Criodisinfestazione

Infestazioni da cimici: la crio-disinfestazione come valida alternativa

Infestazione da cimici e pericoli per la salute
Le cimici sono l’insetto strisciante meno conosciuto e tra i più pericolosi per le specie viventi. Le cimici sono insetti molto piccoli di colore rossastro, dotati di sei zampette e due antenne poste nella zona anteriore e si nutrono di sangue che filtrano con poderose mascelle a stiletto. Vivono in popolazioni molto numerose infestando letti e dormitori. Il morso della cimice è pungente e non eccessivamente doloroso, tuttavia non mancano casi di shock anafilattici. Le cimici, dal latino, Cimex lectularius, sono indesiderati ospiti di materassi, cuscini, sofà indumenti e sacchi di tela. E’, generalmente, considerato un insetto stazionario e gli spostamenti avvengono tramite il trasporto forzato in bagagli, sacchi e quant’altro.
L’habitat naturale della cimice è asciutto e ben riscaldato. La puntura della cimice, come già detto, non è eccessivamente doloroso bensì molto pericoloso per l’uomo. La percezione di un fastidio cutaneo accompagnato da bollicine ed eczemi indica una potenziale puntura da cimice. Le reazioni pruriginose sono generate dalla reazione al siero iniettato dalla cimice per fluidificare il sangue. L’entità della reazione allergica varia a secondo dei soggetti e non sono esclusi gli shock anafilattici. Le irritazioni cutanee possono essere trattate con pomate a base cortisonica mentre in caso più gravi si consiglia un antistaminico ad ampio spettro ed un immediato consulto medico.
Le cimici possono essere individuate tramite la localizzazione di palline nere (escrementi) o puntine rosse (residui di sangue). Contrariamente a quanto si pensi, le cimici non sono un indicatore di scarse condizioni igienico sanitarie, anche se lo sporco può essere un incentivo. L’infestazione da cimici comunque è sempre in agguato, ed ovunque, persino nelle corsie di un ospedale. Quando individuata una cimice non illudetevi che si tratti di solo un esemplare, bisogna procedere con una disinfestazione immediata.

Crio-disinfestazione con azoto liquido (Cimex Eradicator)

La crio-tecnologia applicata alla disinfestazione di insetti è una tecnica decisamente moderna ed innovativa. Il costante ricorso a tale metodologia di approccio alla disinfestazione è testimonianza della sua efficacia ed efficienza. Infatti quasi tutti gli operatori che operano nel campo delle disinfestazioni si sono dotati di particolari sistemi per crio-trattamenti. Questo singolare sistema si basa su un principio molto semplice e cioè annientare le cimici con uno sbalzo termico, sotto lo zero, repentino e decisamente persistente. Esistono molte tipologie di dispositivi criogenici sul mercato, tuttavia, il principio di funzionamento e le componenti che li costituiscono sono pressoché uguali.
I dispositivi cimex eradicator, di tipo criogenico, nebulizzano azoto con una pressione costante ed un volume costante. L’azoto è, solitamente, contenuto in un serbatoio a chiusura ermetica ad una temperatura di -196°C. L’azoto nebulizzato è dotato di un immediato, ma controllato, potere di ustione a freddo. L’enorme potere di abbattimento della temperatura è in grado di uccidere qualsiasi tipologia di insetto e, soprattutto, in qualsiasi fase del ciclo vitale. Inoltre la nebulizzazione ha un elevato potere di penetrazione nei tessuti, che come risaputo è l’habitat ideale delle cimici.

Principali vantaggi del nuovo sistema di disinfestazione e comparazione con i tradizionali metodi disinfestanti.

  • Ecologico: come ben noto, l’azoto è uno dei tanti gas che compone la miscela d’aria che quotidianamente respiriamo. Più precisamente l’azoto occupa il 79 % della nostra atmosfera, per tanto non comporta effetti collaterali a carico della salute tanto di chi effettua l’operazione di disinfestazione tanto di chi, al termine del trattamento, soggiornerà negli ambienti disinfestati. Mentre tutto ciò non è possibile ricorrendo ai tradizionali formulati chimici. Difatti la tossicità dei formulati chimici non consente l’immediato utilizzo degli ambienti che devono essere, obbligatoriamente, areati;
  • Efficacia: l’applicazione diretta dell’azoto sulle superficie e l’elevato potere di penetrazione nei tessuti consentono un immediato effetto disinfestante. Questa qualità è di rilevante importanza se si tengono in considerazioni le forte limitazioni, a norma di legge, nell’utilizzo di formulati chimici con elevato potere residuale. In definitiva il metodo di disinfestazione a freddo è decisamente più efficace. Inoltre va evidenziato che il trattamento è praticamente inoffensivo su tessuti e materiali vari. Per tanto il suo utilizzo non comporta deprezzamento dei materiali di arredo.