Segni d’infestazione

Topi e ratti: i roditori che possono creare molti problemi

Denti sporgenti, pelo bianco o grigio, una lunga coda. Questi i tratti di topi e ratti, anche se non è semplice vederli mentre esplorano i luoghi prescelti in cerca di cibo o di una zona della casa da utilizzare come tana provvisoria. Questi roditori possono essere molto pericolosi, in quanto mettono inconsapevolmente a rischio la salute delle persone, oltre a creare piccoli danni nei loro posti preferiti: le cucine e i ripostigli.

In che stagione possono arrivare?

I topi abitualmente cercano un riparo dal freddo non appena inizia ad abbassarsi la temperatura esterna, quindi i mesi della stagione autunnale sono quelli preferiti da questi piccoli animali. In particolar modo, le case che dispongono di un giardinosono le più esposte all’accoglienza involontaria di topi e ratti, ma anche gli appartamenti non sono da meno, anche se la probabilità è molto più bassa. Un topo in una casa cerca prima di tutto un rifugio dove riposare e stare al caldo; sarà quindi una zona interna all’abitazione o nelle vicinanze di una fonte di calore, come termosifoni, stufe o tubature dell’acqua calda. Inoltre, il roditore esplorerà metro per metro il nuovo luogo, alla ricerca di cibo con cui sfamarsi. La dispensa sarà il posto migliore nel quale sentirà, grazie al suo straordinario olfatto, la presenza di biscotti, pasta, carne o liquidi.

Quali sono i rischi per la salute?

I topi e i ratti sono portatori di molte malattie, causate sia dal loro morso sia dagli escrementi. Per questo motivo è sempre meglio servirsi di professionisti ed utilizzare guanti e mascherine quando si va alla ricerca di tracce organiche o danni lasciati da questi ospiti indesiderati. Se si viene a contatto con urina o feci di un ratto infetto, si può andare incontro allaleptospirosi, la quale è molto pericolosa per l’uomo. Tra i sintomi i più comuni sono vomito, febbre e debolezza, e se non curata immediatamente può portare alla morte. Mangiare cibi o bere liquidi contaminati con residui organici dell’animale può invece portare la salmonellosi, anche questa è una malattia molto pericolosa ma non porta alla morte. In altri casi, ratti e topi possono portare all’interno dell’abitazione zecche e pulci, con la possibilità di essere punti, con effetti molto vari a cui occorre porre rimedio nel minor tempo possibile.

Quali sono i segni per capire se ci sono topi in casa?

I segnali per capire se la casa è diventata la dimora di qualche ratto sono pochi ma non equivocabili. Prima di tutto, occorre controllare nei ripostigli, nelle cantine o in stanze poco usate la presenza di escrementi, simili a piccole palline di colore marrone o nero. Se c’è un topo, i suoi escrementi saranno il primo segnale della sua presenza, solitamente in grande quantità. Principalmente, si trovano in luoghi poco puliti o nelle vicinanze di alimenti dimenticati senza una custodia, ai lavandini o ciotole di animali domestici. Ad accompagnare questo segnale ci sarà anche un intenso cattivo odore, oltre a vere e proprie impronte lasciate durante il suo passaggio.

Un altro segno sarà dato da piccoli fori che si potranno trovare nei pacchi di pasta, in confezioni di farina o in borse, carta igienica o altri pacchi in cartone presenti in ripostigli, soffitte e cucine. I topi adorano rosicchiare qualsiasi cosa, sia per istinto che per cercare del cibo. E’ importante ricordare che durante la ricerca dei segnali d’allarme, è opportuno munirsi di almeno un paio di guanti per evitare morsi o di toccare a mani nude elementi infetti. E’ consigliato essere molto attenti e cauti, sebbene questi animali preferiscano rifugiarsi al sicuro quando sentono avvicinarsi una presenza pericolosa.

E gli accorgimenti da seguire per prevenire un’infestazione?

Prima di procedere con tecniche più aggressive, è meglio provare ad allontanare i roditori sgraditi avendo cura di pulire e disinfettare ogni stanza della casa, anche quelle utilizzate come magazzini o poco frequentati. Inoltre, non si deve mai lasciare alimenti degli animali domestici a terra, in quanto potrebbero attrarre i topi. Anche l’uso di un sigillante per chiudere ermeticamente le porte e finestre è utile, e previene anche i gelidi spifferi durante l’inverno.

I rimedi da adottare per eliminare o cacciare topi e ratti

Se si intende solo allontanare i roditori, esiste un dispositivo che emette degli ultrasuoni, i quali infastidiranno insetti, topi e ratti. Affinché faccia effetto, però, deve essere sempre tenuto attivo, collegandolo a una presa elettrica. Soluzioni più drastiche sono le tradizionali trappole con il formaggio o piccole esche avvelenate, pericolose però anche per i bambini o altri animali. In alternativa, le trappole elettriche richiedono solo delle pile, le quali serviranno per dare una scossa elettrica mortale al ratto o al topo una volta entrati all’interno della trappola.