Idraulica la piegatura dei tubi

In commercio esisitono numerosi modelli di giunti che consentono di effettuare qualsiasi tipo di collegamento ad angolo; tuttavia a volte è necessario e vantaggioso poter curvare i tubi in modo da evitare l’impiego di un numero eccessivo di giunzioni.

Ovviamente tubi in ferro di grande diametro non possono essere piegati facilmente, mentre i normali tubi in rame per impianti gas o termici possono essere lavorati con facilità.

Inserire la “molla”

TuboPer la piega dei tubi occorre munirsi della apposita “molla”. Questa va infilata nel tubo da piegare dopo essere stata preventivamente lubrificata con del grasso. Si procede a questo punto alla curvatura appoggiando il tubo al ginocchio e premendo con le due mani.

La molla all’interno impedirà deformazioni irregolari o rotture. Per ottenere la curvatura desiderata è necessario piegare un poco più del necessario il tubo, e successivamente riaprire la curva fino a portare il tubo alla forma definitiva: questa operazione serve a dare stabilità alla curvatura.

Con la molla è possibile piegare facilmente tubi di rame con diametri da 15 e 22 mm e tubi in ferro-acciaio da 15 mm.Pinza piegatubi

Al termine della piega, si estrae la molla utilizzando un tondino di ferro infilato nell’apposito occhiello della molla, e contemporaneamente torcendola in senso orario. Torcendola in senso orario si fa chiudere il diametro della molla facilitandone l’estrazione.

Nel caso il tubo si dovesse accidentalmente deformare in modo indesiderato durante la piegatura, è possibile porvi rimedio con qualche colpo di martello ben assestato, ma solamente dopo aver estratto la molla, che altrimenti rimarrebbe incastrata all’interno.