Tinteggiatura

Quando si devono eseguire i lavori di tinteggiatura sembra essere arrivati alla fine delle opere tuttavia anche se questa fase di lavoro eseguita dall’IMBIANCHINO è l’ultima tra le finiture non è meno impegnativa di tutte le precedenti.

Anche solo per "l’annuale ristrutturazione di primavera", la scelta dei materiali che compongono la pittura, i colori stessi e la decisione del tipo di tecnica applicativa da adottare possono creare dubbi e perplessità.

Quando si affida all’IMBIANCHINO l’esecuzione di una tinteggiatura ed essa non è vincolata da un disciplinare tecnico, fatta eccezione per il rispetto di qualche regola fondamentale da osservare, l’utente finale può effettuare la scelta dei colori e delle combinazioni con completa interpretazione soggettiva, dettata dal gusto, dall’emotività e dai sentimenti che i colori stessi riescono a ispirare e dai quali ci si fa persuadere.

Prima di procedere con la tinteggiatura l’IMBIANCHINO deve trattare le pareti con dello specifico fissativo (detto anche isolante). La scelta del tipo di fissativo che l’IMBIANCHINO farà, preferibilmente ecologico soprattutto per gli interni residenziali, dipende dalla natura della superficie da trattare e dal tipo di pittura da applicare. Il fissativo ha lo scopo di consolidare la base della superficie da tinteggiare, funge da barriera alle eventuali effluorescenze provenienti da intonaci realizzati da poco, consente alla tinteggiatura di essere più aderente ed omogenea ed inoltre migliora la resa di applicazione della pittura stessa.

Un importante passo da compiere quando si deve effettuare una tinteggiatura è la scelta del il tipo di pittura da impiegare. L’IMBIANCHINO esperto saprà che preferibilmente conviene selezionare e usare le tinte prestabilite da una qualsiasi affermata casa produttrice. Queste infatti contraddistinguono i loro prodotti tramite specifiche mazzette-colori e con codici identificativi i quali ogni qual volta se ne ha la necessità, se i codici sono immessi in una macchina elettronica computerizzata (chiamata tintometro), consentono di riprodurre la stessa tinta.

Quando si scelgono i colori presentati sulla mazzetta, generalmente costituita da supporto di carta, è necessario che l’IMBIANCHINO faccia presente che essi possono essere meno vigorosi rispetto al risultato riprodotto sulla parete a lavoro finito.

Dopo la scelta delle tinte si prosegue con l’individuazione del giusto tipo di pittura, preferibilmente della categoria idropittura perchè prevalentemente rientra tra i prodotti ecologici in quanto diluibile eventualmente con acqua prima di essere usata.

Tutte le idropitture sono traspiranti e possono suddividersi principalmente per semilavabili; lavabili e superlavabili. Le semilavabili hanno una capacità traspirante maggiore e pertanto consigliate per ambienti con sviluppo di vapori o umidità (cucina, bagno).

Le lavabili sono un pò più resistenti, sono idonee per tutti gli ambienti non soggetti ad elevata percentuale di umidità, si possono pulire dalle superfici piccole macchie con un drappo inumidito. Le superlavabili hanno una elevata capacità coprente, sono idonee prevalentemente per gli esterni perchè hanno capacità impermeabile e le pareti si possono anche pulire irrorando abbondante acqua.

Una delle migliori pitture concepite per essere abbinata a quasi tutte le esigenze operative è quella ai silicati. Questo prodotto è composto da una peculiare struttura fisico-chimica che interagisce con la rasatura e/o l’intonaco su cui è applicato e conferisce alle superfici elevata permeabilità, traspirabilità, buona resa coprente e finitura grazie alla sua durezza.

Il mercato offre come in altri campi una notevole varietà di prodotti per la tinteggiatura, per non disperdersi tra i meandri dei diversi materiali è meglio affidarsi ad un IMBIANCHINO di esperienza il quale saprà individuare e consigliare il prodotto adatto in base alle circostanze. La definizione tinteggiatura può includere anche degli effetti particolari che l’IMBIANCHINO può ottenere con l’impiego di alcuni attrezzi e/o pitture specifiche.

Alcune definizioni di questi effetti sono: Spugnatura, Velatura; Stucco antico; Stucco veneziano; Terre fiorentine; Marmorino. A questo punto grazie ad un piccolo studio e con l’ausilio di professionali consigli dell’IMBIANCHINO si possono scegliere, combinare ed adattare i colori più appropriati nei vari ambienti che si desiderano tinteggiare.