Rischi per la Salute dalle Cimici dei Letti

Generalità delle cimici

Cimici-dei-lettiLe cimici dei letti sono insetti antichi e si trovano praticamente ovunque. Non ci sono luoghi al mondo in grado di sfuggire alla loro presenza.

Le cimici dei letti hanno in effetti una grande distribuzione in tutto il mondo, per via soprattutto degli esseri umani, che li trasportano nascosti nelle valigie, tra abiti e biancheria.

Le varietà sono numerose, ma le più comuni, non solo si sono adattate all’ambiente umano, ma lo hanno addirittura eletto come loro habitat preferito.

Le cimici dei letti fanno parte della specie Cimex lectularius, poiché infestano, in particolare, le stanze da letto. Tale preferenza è dovuta alla necessità, per la loro sopravvivenza, di sangue umano, al pari delle fastidiosissime zanzare.

Comportamento

In genere si è portati a pensare che la presenza d’insetti infestanti in casa dipenda da una scarsa igiene. Non è il caso delle cimici dei letti, animaletti molto democratici, per niente schizzinosi, che non fanno distinzioni tra una casa più o meno pulita: a loro interessano solo le persone.

A dire il vero, esistono specie note per nutrirsi anche del sangue di pipistrelli e uccelli, ma questa preferenza non esclude gli esseri umani tra le loro vittime predilette.

Le cimici sopravvivono molto bene anche nei nidi degli uccelli, non è così raro pertanto che questo sia il punto di partenza preferenziale per penetrare nelle abitazioni attraverso i tetti, luogo di transito ideale.

Le cimici dei letti durante il giorno amano i luoghi più insoliti, come le piccole crepe nei muri, i cassetti e i letti.

E’ facile intuire il motivo per il quale questi fastidiosi insetti vengono chiamate comunemente cimici dei letti.

Si tratta di animali notturni, che durante il giorno sono quasi catatonici, restano tranquilli rinchiusi nelle loro tane.

Quando arriva la sera, invece, si svegliano, escono dai loro nascondigli e, come piccoli vampiri notturni, vagano alla ricerca di sangue umano.

Il loro aspetto è molto simile a quello delle comuni blatte: corpo ovale e piatto di colore marrone o ruggine, con zampette e antennine. Non saltano, non volano, ma strisciano.

Rischi per la salute

Non appena trovano un corpo umano, le cimici dei letti infliggono punture fastidiose, necessarie per estrarre il sangue.

Contrariamente a quanto si può pensare, le cimici dei letti non sono insetti “pericolosi” per l’uomo, a eccezione dei soggetti allergici, in cui non sono infrequenti sintomi evidenti come vescicole e orticaria.

Le loro punture, similmente a quelle di altri insetti, provocano generalmente lividi e reazioni allergiche, che si manifestano con pruriti (rash cutaneo) e macchie rosse. In alcuni casi i sintomi si verificano immediatamente, in altri invece a distanza di ore o di un giorno o due. Le parti del corpo scoperte dalle lenzuola durante la notte sono quelle predilette dalle cimici: viso, collo, braccia e mani.

Segnali di una infestazione

Quando se ne avverte la presenza è il caso di prendere adeguate contromisure, l’infestazione può verificarsi in tempi piuttosto rapidi.
Le femmine possono depositare giornalmente fino a cinque uova.

Nel momento in cui trovano un ambiente favorevole, con una temperatura adeguata (tendenzialmente calda) e cibo abbondante, possono sopravvivere in casa fino a 10 mesi.

I campanelli d’allarme di un’infestazione da cimici dei letti sono diverse:

  • per prima cosa, la rilevazione della presenza degli insetti nel proprio letto o materasso. A questo scopo è utile sapere che i maschi adulti hanno la grandezza del seme di una mela o di una lenticchia;
  • in secondo luogo è possibile rilevare la presenza della pelle liberata a causa della muta degli più insetti giovani;
  • il terzo segnale infine è l’individuazione delle feci, che si presentano sotto forma di macchie nere o marroni su materiali porosi o deposito di escrementi su tessuti o superfici impermeabili.

Come intervenire

Qualsiasi azione dettata dalla fretta o dal panico, a causa del fastidio dovuto alla presenza delle cimici nel giaciglio notturno, è sicuramente sbagliata.

Gesti inconsulti, come spostare mobili o usare comuni insetticidi potrebbe addirittura peggiorare la situazione.

Anche buttare via il materasso o il letto, non solo si rivela una scelta dispendiosa, ma se questi oggetti non vengono adeguatamente trattati e sigillati, potrebbero addirittura diffondere l’infestazione al luogo di deposito e discarica.

Del resto questi animaletti si diffondono molto rapidamente, per cui è necessario rivolgersi a personale esperto.

Un’abitazione che presenta un’ infestazione da cimici da letto deve essere opportunamente bonificata da personale esperto. Se non si seguono le corrette procedure il problema potrebbe peggiorare o ripresentarsi.

Mai lasciarsi tentare da rimedi fai da te, meglio affidarsi a personale altamente competente e specializzato.