Disinfestazione mosche

La mosca, insetto appartenente alla famiglia dei Ditteri, se invade gli spazi domestici o i luoghi dove si svolge un’attività professionale, può arrecare notevole fastidio. Il suo volare continuo e fulmineo può essere interrotto dall’attrazione che essa prova per le derrate alimentari. Ecco che questo insetto frequentatore di cumuli di rifiuti o escrementi, adagiandosi sul cibo presente in cucina e nelle mense, può contaminarlo pericolosamente, diventando portatrice di pericolose malattie come la Salmonella o l’Escherichia Coli. In presenza di un’infestazione mosche è necessario organizzarsi repentinamente e affidarsi a imprese specializzate nella disinfestazione mosche che applicano gli interventi giusti per eliminare in modo durevole il problema.

Mosca domestica o mosca cavallina: quali sono i loro comportamenti?

disinfestazione moschePer attuare una lotta mirata è opportuno svolgere una corretta identificazione delle varie specie di mosche, capendone così le caratteristiche e i luoghi di riproduzione. Analizzando queste due varietà di mosche, potremo capirne il ciclo biologico che parte dalla creazione di un uovo, per poi generare la larva, la pupa e infine l’adulto.

La Musca Domestica è la mosca più comune che è presente ovunque vive l’uomo. Il suo torace grigio brunastro è dotato di quattro bande scure, le ali sono divaricate e l’apparato boccale succhiatore lambisce i cibi liquidi, avvolgendoli nella saliva. La femmina è molto prolifica, basti pensare che può deporre fino a 150 uova in piccoli gruppi, per proseguire a una distanza di circa 4 giorni, fino a raggiungere anche 1000 uova. La ovodeposizione avviene dove vi sono sostanze organiche in putrefazione, immondizie che possono nutrire le larve. Quest’ultime, per crescere in condizioni ottimali, hanno bisogno di un clima caldo così come le mosche adulte che durante le ore fresche della giornata, si rintanano sui fili, sugli oggetti pendenti dai soffitti.

Vedi anche  Vespe parassite

La mosca cavallina è un insetto ematofogo il cui nome scientifico è Stomoxys Calcitrans, detta anche mosca delle stalle perchè frequenta questi luoghi. La mosca cavallina è più grande della mosca domestica ed è di colore marrone; la membrana che protegge il corpo è molto rigida quindi è difficilissimo schiacciarla. Il suo apparato boccale è predisposto per pungere e succhiare il sangue, sia umano che degli animali. Lame minutissime tagliano la pelle con un movimento a forbice, succhiando il sangue in modo aggressivo e feroce per deporre le uova, circa 20-30 nell’arco di 30 minuti. Le larve coprofaghe, nutrendosi degli escrementi o delle sostanze organiche che trovano in decomposizione, crescono e nel giro di 30 giorni diventano pupe.

Disinfestazione: come avviene la lotta contro le mosche?

Abbiamo appreso che le mosche prolificano laddove vi è la presenza di cumuli di immondizia, cassonetti di rifiuti maltenuti, sostanze fecali o letame di stalla. Ecco che sia in ambito urbano che rurale, in caso di un’infestazione da mosche, bisogna attuare un piano d’intervento che si avvalga prima dello studio delle zone infestate, individuando i focolai su cui va applicato il programma di lotta. Ditte specializzate nella disinfestazione mosche applicano tutte le strategie necessarie a bonificare le zone infestate, impiegando sofisticate attrezzature e prodotti abbattenti ecologici, non nocivi alla salute degli abitanti la casa.

Trattamenti per la disinfestazione mosche

L’applicazione casalinga di un insetticida presente in commercio non basta per difendersi dall’infestazione di questi spiacevoli insetti, fastidiosi e anti-igienici sia nelle abitazioni che nelle mense, negli ospedali, nei locali adibiti alla ristorazione. Ecco che rivolgendosi a specialisti del settore si otterrà una garanzia di qualità per eliminare il problema alla radice e in modo rapido e duraturo. Questi tecnici specializzati utilizzano sostanze abbattenti irrorate da mezzi meccanici all’avanguardia che agiscono su aree estese, in modo da svolgere un servizio di disinfestazione professionale.

Vedi anche  I coleotteri delle derrate alimentari

I biocidi sono riconosciuti dal Ministero della Salute e a seconda dell’entità infestante, si distinguono in adulticidi per le mosche adulte e larvicidi per gli stadi larvali. In caso di infestazione particolarmente grave, la lotta alle mosche si svolge con l’irrorazione di estratto di piretro o acido borico sciolto in acqua, da emulsionare con le irroratrici sui muri delle abitazioni, nelle aree che circondano le stalle, i macelli e le pescherie. Negli interni, è possibile utilizzare metodi sicuri e non nocivi, come le strisce di colla attiramosche, trappole con attrattivi alimentari, barriere d’aria erogate da un condizionatore che va posizionato sulle aperture esterne dei locali.

Una prevenzione efficace dei luoghi in cui sono stati distrutti i focolai larvali mira a mantenere le aree pulite, evitando substrati idonei alla ovideposizione, tenendo puliti gli scarichi, le tubature, i cassonetti dei rifiuti ed evitando il ristagno di acqua.

Summary
Disinfestazione mosche
User Rating
5 based on 1 votes
Service Type
Provider Name
Imprendo Multiservizi, Telephone No.800 145 068
Description
Interventi professionali per la lotta contro la presenza di mosche e mosconi.