Vai al contenuto

Smaltimento rifiuti speciali

Gestione rifiuti
Smaltimento rifiuti speciali

Smaltimento rifiuti speciali e servizi per l’ambiente

Lo smaltimento rifiuti speciali deve essere effettuato seguendo un percorso di gestione differente da quello dei rifiuti solidi urbani.  Gli operatori dei nostri punti di raccolta si occupano di

Smaltimento Eternit e Bonifica amianto
Smaltimento Eternit e Bonifica amianto

trasportare e smaltire rifiuti di vario genere tra cui rifiuti speciali come alluminio, amianto, cartucce e toner, ferro e acciaio, legno, oli esausti, pile, pneumatici, rifiuti sanitari e raee, oltre a materiali destinati al riciclo come carta e cartone, plastica e vetro.

Lo smaltimento rifiuti speciali avviene nel pieno rispetto della normativa vigente sulla gestione dei rifiuti, ma anche tenendo in attenta considerazione le esigenze dei clienti e garantendo loro efficienza, puntualità, convenienza e flessibilità.

Rifiuti speciali: cosa sono?

I rifiuti speciali sono quei residui che, per le loro caratteristiche, non possono essere smaltiti come i comuni rifiuti domestici o industriali. Le industrie e le aziende producono la maggior parte dei rifiuti speciali e sono tenute per legge a smaltirli in modo apposito. L’attività di recupero e smaltimento di questi rifiuti richiede una conoscenza specifica

Smaltimento Hardware
Smaltimento Hardware

delle procedure di sicurezza e l’implementazione di tecniche specializzate. Gli operatori specializzati nel recupero e smaltimento di rifiuti lavorano per recuperare i componenti utilizzabili e ridurre gli impatti ambientali negativi. Il recupero e il corretto smaltimento dei rifiuti speciali sono essenziali per prevenire la contaminazione ambientale e proteggere la salute delle persone e degli animali.

Tutti i rifiuti speciali non sono necessariamente pericolosi, ma alcuni di essi possono rappresentare un rischio per la salute umana e l’ambiente circostante. I rifiuti speciali possono essere generati da diverse attività, ad esempio da quelle industriali, agricole, ospedaliere, di demolizione ed edili. Alcuni esempi di rifiuti speciali pericolosi sono i prodotti chimici, gli olii esausti, le batterie, i fluorescenti, i farmaci scaduti e le apparecchiature elettriche ed elettroniche. Tuttavia, ci sono anche rifiuti speciali non pericolosi che richiedono comunque un trattamento adeguato per poter essere smaltiti in modo sicuro, come ad esempio la carta abrasiva contaminata, il vetro armato, i tessuti in modo generale e gli inerti provenienti da rottami di natura varia. E’ importante prestare attenzione alla tipologia di rifiuto speciale prodotto, in quanto solo mediante la corretta classificazione da parte dell’ente gestore, si può garantire un corretto smaltimento evitando danni all’ambiente e alla salute umana.

Rifiuti speciali normativa

La gestione dei rifiuti speciali è regolamentata dalla normativa italiana ed è molto importante per salvaguardare l’ambiente e la salute pubblica. I rifiuti speciali si dividono in diverse categorie, tra cui quelli pericolosi e quelli non pericolosi, e devono essere smaltiti in modo appropriato. La normativa italiana stabilisce le procedure e le condizioni per il corretto smaltimento dei rifiuti

A chi rivolgersi per lo smaltimento carta e imballaggi in carta e cartone
A chi rivolgersi per lo smaltimento carta e imballaggi in carta e cartone

speciali, che deve avvenire in appositi impianti o presso centri autorizzati. Il corretto smaltimento dei rifiuti speciali è uno degli obiettivi primari delle politiche ambientali e la loro gestione deve essere effettuata attraverso un sistema sicuro, efficiente e sostenibile. Si tratta di una questione di grande importanza per il benessere dell’intera comunità e per garantire un futuro sostenibile.

La gestione dei rifiuti speciali rappresenta un aspetto imprescindibile della normativa ambientale in vigore. I rifiuti speciali, diversamente dai rifiuti che non rientrano nella medesima categoria, richiedono un’impostazione specifica a garanzia di un corretto smaltimento. L’attività di recupero e smaltimento dei rifiuti speciali comporta una serie di fasi, tra cui la raccolta, il recupero, la trasformazione e l’eventuale smaltimento. Le attività di recupero, in particolare, mirano a recuperare determinati componenti dei rifiuti speciali per riutilizzarli successivamente. Tra le tipologie di rifiuti speciali di cui si occupa la normativa ambientale, figurano anche quelli di origine industriale, come i residui di produzione, e i rifiuti provenienti dalla depurazione delle acque reflue. Grazie all’impegno delle varie amministrazioni pubbliche e delle imprese specializzate nel settore, oggi siamo in grado di garantire un corretto smaltimento dei rifiuti speciali, contribuendo così alla tutela dell’ambiente e della salute pubblica.

Chi sono gli operatori che lavorano presso Consorzio Imprendo?

Tutti coloro che lavorano nel consorzio nel settore dello smaltimento dei rifiuti speciali sono operatori specializzati. Il lavoro è sottoposto a controlli e continui monitoraggi di qualità, anche

Lo smaltimento corretto di vernici, pitture e solventi è un aspetto importante per la salute umana e ambientale
Lo smaltimento corretto di vernici, pitture e solventi è un aspetto importante per la salute umana e ambientale

grazie alla presenza delle figure di responsabili del punto di raccolta. Smaltire i rifiuti speciali è infatti un’attività delicata e di grande responsabilità, che prevede la conoscenza e il rispetto delle complesse normative europee in materia, al fine di tutelare sia l’ambiente sia la salute umana. Ad ogni rifiuto speciale è abbinato un codice CER dei rifiuti e ciascuno di questi codici prevede procedure e protocolli precisi riguardo alle modalità di raccolta, trasporto, stoccaggio e smaltimento.

Questo controllo attento delle modalità di smaltimento è necessario perché i rifiuti speciali sono pericolosi e possono creare grande danno all’ambiente e anche alle coltivazioni se non vengono trattati in maniera adeguata. Pensiamo, ad esempio, alle vernici, ai carburanti e ai solventi – residui di lavorazione industriale – ai filtri dell’olio e alla pastiglie dei freni che si producono nelle officine meccaniche: si tratta di prodotti con un potenziale inquinante molto elevato, che devono essere raccolti nelle modalità giuste, trasportati con alcune precauzioni, stoccati in appositi siti protetti e infine smaltiti nella maniera giusta, quella prevista dalle normative in materia.

Come richiedere un preventivo per lo smaltimento rifiuti speciali

Se volete avere tutte le informazioni utili per risolvere le vostre esigenze relative allo smaltimento di rifiuti speciali potete contattare l’azienda tramite il numero verde 800 145068. Potete

Cassone per smaltimento rifiuti
Cassone per smaltimento rifiuti

anche compilare il modulo di contatto presente sul sito imprendo.co. Gli operatori sapranno darvi informazioni chiare e risolutive e proporvi le soluzioni migliori per le vostre richieste. Vi verrà

fissato l’appuntamento per la consegna dei contenitori in cui raccogliere i vostri rifiuti speciali e verranno stabiliti tempi, modalità e costi per il loro ritiro: in questo modo avrete la garanzia di essere in regola con tutte le normative presenti sullo smaltimento dei rifiuti speciali.

Contattate telefonicamente o per email l’azienda, per avere maggiori informazioni o un preventivo personalizzato: troverete competenza, disponibilità e convenienza. L’azienda ha anche predisposto un servizio di pronto intervento di cui usufruire in caso di emergenze.

Indice: Smaltimento rifiuti speciali
Richiedi un Preventivo Gratuito

Correlato a: Smaltimento rifiuti speciali

La Pulizia

Evidenze scientifiche hanno dimostrato che l’età media dell’uomo si è innalzata grazie al miglioramento delle

Bougainvillea

Le BUGANVILLEE sono stupendi arbusti sarmentosi originari dell’America tropicale dove sono sempreverdi, mentre da noi,

Combattere le Pulci

Benvenuti nella stagione delle pulci! Sembra che i piccoli succhiatori di sangue abbiano invaso la

Normativa uni

Il D.P.R. 27 Aprile 1955, n.547 all’art.34/c dispone negli ambienti di lavoro, l’obbligo di predisporre

eMail
Chiama