ARTICOLO VIOLATO OGGETTO DELLA VIOLAZIONE SANZIONE ORGANO COMPETENTE

VIOLAZIONE AL DIVIETO DI EFFETTUARE LA MISCELAZIONE DEI RIFIUTI PERICOLOSI OVVERO NON PROCEDE ALLA SEPARAZONE DEI RIFIUTI MISCELATI
CHIUNQUE VIOLA IL DIVIETO DI MISCELAZIONE E’ TENUTO ALLA SEPARAZIONE A PROPRIE SPESE SE POSSIBILE OMISSIONE DELLA TENUTA DEL REGISTRO DI CARICO E SCARICO O TENUTA INCOMPLETA DELLO STESSO PER RIFIUTI NON PERICOLOSI

ARRESTO DA 6 MESI A DUE ANNI ED AMENDA DA 5 MILIONI A 50 MILIONI

ARRESTO SINO AD UN ANNO. CON LA SENTENZA DI CONDANNA PER TALI CONTRAVVENZIONI O CON LA DECISIONE EMESSA AI SENSI DELL’ART. 444 DEL CPP, IL BENFICIO DELLA SOSPENSIONE DELLA PENA PUO’ ESSERE SUBORDINATO ALLA ESECUZIONE DI QUANTO STABILITO NELL’ORDINANZA O NELL’OBBLIGO NON ESEGUITI

SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA DA 5 MILIONI A 30 MILIONI

PRETORE

SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA DA 30 MILIONI A 180 MILIONI NONCHE’ SANZIONE AMMINISTRATIVA ACCESSORIA DELLA SOSPENSIONE DA 1 MESE AD 1 ANNO DALLA CARICA RIVESTITA DAL SOGGETTO RESPONSABILE DELL’INFRAZIONE E DALL’AMMINISTRATORE

SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA DA LIRE 500.000 A LIRE 3 MILIONI

SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA DA 500.000 A LIRE 3 MILIONI

SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA DA 200.000 A 1.200.000 LA PENA E’ RIDOTTA DELLA META’ NEL CASO DI INOSSERVANZA DELLE PRESCRIZIONI CONTENUTE O RICHIAMATE NONCHE’ NELLE IPOTESI DI INOSSERVANZA DEI REQUISITI E DELLE CONDIZIONI RICHIESTI DALLE ISCRIZIONI O COMUNICAZIONI.

ART. 14 C.2

IMMISSIONE DI RIFIUTI DI QUALSIASI GENERE, ALLO STATO SOLIDO O LIQUIDO, NELLE ACQUE SUPERFICIALI O SOTTERRANEE SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA DA 200.000 A 1.200.000. LA PENA E’ RIDOTTA DELLA META’ NEL CASO DI INOSSERVANZA DELLE PRESCRIZIONI CONTENUTE O RICHIAMATE NONCHE’ NELLE IPOTESI DI INOSSERVANZA DEI REQUISITI E DELLE CONDIZIONI RICHIESTI DALLE ISCRIZIONI O COMUNICAZIONI. COMUNE

ART. 14 C.1

E C.2 TITOLATI DI IMPRESE O RESPONSBILI DI ENTI CHE ABBANDONANO O DEPOSITANO IN MODO INCONTORLLATO I PROPRI RIFIUTI OVVERO LI IMMETTONO NELLE ACQUE SUPERFICIALI O SOTTERRANEE. RIFIUTI NON PERICOLOSI ARRESTO DA 3 MESI AD 1 ANNO O AMMENDA DA 5 MILIONI A 50 MILIONI. LA PENA E’ RIDOTTA DELLA META’ NEL CASO DI INOSSERVANZA DELLE PRESCRIZIONI CONTENUTE O RICHIAMATE NONCHE’ NELLE IPOTESI DI INOSSERVANZA DEI REQUISITI E DELLE CONDIZIONI RICHIESTI DALLE ISCRIZIONI O COMUNICAZIONI. PRETORE

ART. 14 C.1

E C.2 TITOLATI DI IMPRESE O RESPONSBILI DI ENTI CHE ABBANDONANO O DEPOSITANO IN MODO INCONTORLLATO I PROPRI RIFIUTI OVVERO LI IMMETTONO NELLE ACQUE SUPERFICIALI O SOTTERRANEE. RIFIUTI PERICOLOSI ARRESTO DA 6 MESI 2 ANNI E AMMENDA DA 5 MILIONI A 50 MILIONI. LA PENA E’ RIDOTTA DELLA META’ NEL CASO DI INOSSERVANZA DELLE PRESCRIZIONI CONTENUTE O RICHIAMATE NONCHE’ NELLE IPOTESI DI INOSSERVANZA DEI REQUISITI E DELLE CONDIZIONI RICHIESTI DALLE ISCRIZIONI O COMUNICAZIONI. PRETORE

ART. 14 C.1

E C.2 TITOLARI DI IMPRESE O RESPONSABILI DI ENTI CHE EFFETTUANO ATTI VITA’ DI GESTIONE DEI PROPRI RIFIUTI SENZA LE PRESCRITTE AUTORIZZAZIONI, O ISCRIZIONI O COMUNICAZIONI DI RIFIUTI NON PERICOLOSI ARRESTO DA TRE MESI AD UN ANNO O CON AMMENDA DA LIRE 5 MILIONI A LIRE 50 MILIONI. LA PENA E’ RIDOTTA DELLA META’ NEL CASO DI INOSSERVANZA DELLE PRESCRIZIONI CONTENUTE O RICHIAMATE NONCHE’ NELLE IPOTESI DI INOSSERVANZA DEI REQUISITI E DELLE CONDIZIONI RICHIESTI DALLE ISCRIZIONI O COMUNICAZIONI. PRETORE

ART. 14 C.1

E C.2 TITOLARI DI IMPRESE E RESPONSABILI DI ENTI CHE EFFETTUANO ATTI VITA’ DI GESTIONE DEI PROPRI RIFIUTI SENZA LE PRESCRITTE AUTORIZZAZIONI, O ISCRIZIONI O COMUNICAZIONI DI RIFIUTI PERICOLOSI ARRESTO DA SEI MESI AD DUE ANNI E CON AMMENDA DA LIRE 5 MILIONI A LIRE 50 MILIONI. LA PENA E’ RIDOTTA DELLA META’ NEL CASO DI INOSSERVANZA DELLE PRESCRIZIONI CONTENUTE O RICHIAMATE NONCHE’ NELLE IPOTESI DI INOSSERVANZA DEI REQUISITI E DELLE CONDIZIONI RICHIESTI DALLE ISCRIZIONI O COMUNICAZIONI. PRETORE

CHIUNQUE NON OTTEMPERA ALL’ORDINANZA DEL SINDACO

CHIUNQUE TRASPORTA I RIFIUTI SENZA IL PRESCRITTO FORMULARIO OVVERO INDICA DATI INCOMPLETI O INESATTI

CHIUNQUE TRASPORTA I RIFIUTI PERICOLOSI SENZA IL PRESCRITTO FORMULARIO OVVERO INDICA DATI INCOMPLETI O INESATTI

SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA DA LIRE 3 MILIONI A LIRE 18 MILIONI

PENA EX ART. 483 C.P. CHE PREVEDE LA RECLUSIONE SINO A 2 ANNI

ALLA SENTENZA DI CONDANNA O ALLA DECISIONE EMESSA AI SENSI DELL’ART. 444 C.P.P.LE PER L’ATTIVITA’ ILLECITA DI TRASPORTO DEI RIFIUTI CONSEGUE OBBLIGATORIAMENTE LA CONFISCA DEL MEZZO

ART. 15

CHIUNQUE NELLA PREDISPOSIZIONE DEL CERTIFICATO DI ANALISI DEI RIFIUTI FORNISCE FALSE INDICAZIONI SULLA NATURA, COMPOSIZIONE, CARATTERISTICHE FISICO-CHIMICHE DEI RIFIUTI IDEM IDEM

ART. 15

INDICAZIONI FORMALMENTE INCOMPLETE O INESATTE CHE CONTENGONO TUTTE GLI ELEMENTI INDISPENSABILI PER RICOSTRUIRE LE INFORMAZIONI DOVUTE PER LEGGE. SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA DA LIRE 500.000 A LIRE 3 MILIONI PROVINCIA

ART. 17 C.2

CHIUNQUE CAGIONA IN MODO ANCHE ACCIDENTALE IL SUPERAMENTO DEI LIMITI DI ACCETTABILITA’ DELLA CONTAMINAZIONE DEI SUOLI, DELLE ACQUE SUPERFICIALI E DELLE ARRESTO SINO AD UN ANNO.

CON LA SENTENZA DI CONDANNA PER TALI CONTRAVVENZIONI O CON LA PRETORE

ACQUE SOTTERRANEE, OVVERO DETERMINA UN PERICOLO CONCRETO ED ATTUALE DI SUPERAMENTO DEI LIMITI MEDESIMI E’ TENUTO A PROCEDERE A PROPRIE SPESE AGLI INTERVENTI DI MESSA IN SICUREZZA, BONIFICA E DI RIPRISTINO AMBIENTALE DELLE AREE INQUINATE E DEGLI IMPIANTI DAI QUALI DERIVA PERICOLO DI INQUINAMENTO.

CHIUNQUE EFFETTUA UNA ATTI VITA’ DI RACCOLTA, TRASPORTO, RECUPERO, SMALTIMENTO, COMMERCIO, INTERMEDIAZIONE, DI RIFIUTI PRODOTTI DA TERZI NON PERICOLOSI OVVERO CHIUNQUE EFFETTUA LA GESTIONE DI PROPRI RIFIUTI SENZA LE PRESCRITTE AUTORIZZAZIONI, ISCRIZIONI O COMUNICAZIONI
CHIUNQUE EFFETTUA UNA ATTI VITA’ DI RACCOLTA, TRASPORTO, RECUPERO, SMALTIMENTO, COMMERCIO, INTERMEDIAZIONE, DI RIFIUTI PRODOTTI DA TERZI PERICOLOSI OVVERO CHIUNQUE EFFETTUA LA GESTIONE DI PROPRI RIFIUTI SENZA LE PRESCRITTE AUTORIZZAZIONI, ISCRIZIONI O COMUNICAZIONI
VIOLAZIONE DEI PRODUTTORI DEGLI OBBLIGHI DI RICICLAGGIO RECUPERO E RITIRO DEGLI IMBALLAGGI.

GLI UTILIZZATORI SONO OBBLIGATI A RITIRARE GRATUITAMENTE GLI IMBALLAGGI USATI SECONDARI E TERZIARI ED I RIFIUTI DA IMBALLAGGIO SECONDARI E TERZIARI NONCHE’ A CONSEGNARLI IN LUOGO DI RACCOLTA ORGANIZZATO DAL PRODUTTORE E CON LO STESSO CONCORDATO
NON VIENE ADOTTATO UN PROPRIO SISTEMA CAUZIONALE

NON COSTITUZIONE DEL CONSORZIO PER CIASCUN TIPO DI IMBALLAGGIO.

DECISIONE EMESSA AI SENSI DELL’ART. 444 DEL CPP IL BENEFICIO DELLA SOSPENSIONE DELLA PENA PUO’ ESSERE SUBORDINATO ALLA ESECUZIONE DI QUANTO STABILITO NELL’ORDINANZA O NELL’OBBLIGO NON ESEGUITI

ARRESTO DA TRE MESI AD UN ANNO O CON AMMENDA DA LIRE 5 MILIONI A LIRE 50 MILIONI.

LA PENA E’ RIDOTTA DELLA META’ NEL CASO DI INOSSERVANZA

DELLE PRESCRIZIONI CONTENUTE O RICHIAMATE NONCHE’ NELLE IPOTESI DI INOSSERVANZA DEI REQUISITI E DELLE CONDIZIONI RICHIESTI DALLE ISCRIZIONI O COMUNICAZIONI.

SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA DA 15 MILIONI A 90 MILIONI

DIVIETO DI SMALTIMENTO IN DISCARICA DEGLI IMBALLAGGI E DEI CONTENITORI RECUPERATI SALVO GLI SCARTI DI DELLE OPERAZIONI DI SELEZIONE, RICLICO E RECUPERO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO

SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA DA 10 MILIONI A 60 MILIONI. PROVINCIA

ART. 43 C.2

DAL 1° GENNAIO 1998 E’ VIETATO IMMETTERE NEL NORMALE SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA DA 200.000 LIRE A 1.200.000 LIRE COMUNE

CIRCUITO DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI IMBALLAGGI TERZIARI DI QUALSIASI NATURA

DAL 1° GENNAIO 1988 POSSONO ESSERE COMMERCIALIZZATI SOLO IMBALLAGGI RISPONDENTI AGLI STANDARD EUROPEI DEL COMITATO EUROPEO DI NORMALIZZAZIONE. SINO A TALE DATA GLI IMBALLAGGI DEBBONO ESSERE COMUNQUE CONFORMI ALLE NORME EUROPEE E QUESTE MANCANO ALLE NORME NAZIONALI

E’ VIETATO IMMETTERE SUL MERCATO IMBALLAGGI O COMPONENTI DI IMBALLAGGIO CON LIVELLI TOTALI DI CONCENTRAZIONE DI PIOMBO, MERCURIO, CADMIO E CROMO ESAVALENTE SUPERIORE A:

600 PPM IN PESO DAL 30.06.1988 250 PPM IN PESO DAL 30.06.1999 100 PPM IN PESO DAL 30.06.2001

SONO ESCLUSI DALLA NORMA GLI IMBALLAGGI INTERAMENTE COSTITUITI DI CRISTALLO

I BENI DURE VOLI PER USO DOMESTICOCHE HANNO ESAURITO LA LORO FUNZIONE DEBBONO ESSERE RESTITUITI AL RIVENDITORE IN OCCASIONE DELL’ACQUISTO DI BENE ANALOGO, OPPURE DEBBONO ESSERE CONFERITI A IMPRESE PUBBLICHE O PRIVATE CHE GESTISCONO LA RACCOLTA E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI URBANO O DI RACCOLTA DI CUI AL C.2 A CURA DEL DETENTORE

SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA DA 5 MILIONI A 30 MILIONI

SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA DA 200.000 LIRE A 1.200.000 LIRE

ART. 45

DEPOSITO TEMPORANEO PRESSO IL LUOGO DI PRODUZIONE DI RIFIUTI PERICOLOSI SANITARI IN VIOLAZIONE DELLE PRESCRIZIONI

ARRESTO DA 3 MESI A 1 ANNO O AMMENDA DA 5 MILIONI A 50 MILIONI

DEPOSITO TEMPORANEO PRESSO IL LUOGO DI PRODUZIONE DI RIFIUTI PERICOLOSI SANITARI IN VIOLAZIONE DELLE PRESCRIZIONI PER QUANTITATIVI NON SUPERIORI A 200 LITRI

REALIZZAZIONE O GESTIONE DI UNA DISCARICA NON AUTORIZZATA

REALIZZAZIONE O GESTIONE DI UNA DISCARICA NON AUTORIZZATA DESTINATA ANCHE IN PARTE ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI PERICOLOSI.

SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA DA 5 MILIONI A 30 MILIONI

ARRESTO DA 6 MESI A 2 ANNI E AMMENDA DA 5 MILIONI A 50 MILIONI. LA PENA E’ RIDOTTA DELLA META’ NEL CASO DI INOSSERVANZA DELLE PRESCRIZIONI CONTENUTE O RICHIAMATE NONCHE’ NELLE IPOTESI DI INOSSERVANZA DEI REQUISITI E DELLE CONDIZIONI RICHIESTI DALLE ISCRIZIONI O COMUNICAZIONI.
NEL CASO DI SENTENZA DI CONDANNA O DECISIONE EMESSA AI SENSI DELL’ART. 444 DEL C.P.P. SI HA LA CONFISCA DELL’AREA SU CUI E’ REALIZZATA LA DISCARICA ABUSIVA SE E’ DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE O DEL COMPARTECIPE AL REATO. SONO FATTI SALVI GLI OBBLIGHI DI BONIFICA O RIPRISTINO DEI LUOGHI

ARRESTO DA 1 A 3 ANNI E AMMENDA DA 10 MILIONI A 100 MILIONI.

LA PENA E’ RIDOTTA DELLA META’ NEL CASO DI INOSSERVANZA DELLE PRESCRIZIONI CONTENUTE O RICHIAMATE NONCHE’ NELLE IPOTESI DI INOSSERVANZA DEI REQUISITI E DELLE CONDIZIONI RICHIESTI DALLE ISCRIZIONI O COMUNICAZIONI.

CHIUNQUE EFFETTUA LA SPEDIZIONE DEI RIFIUTI ELENCATI NEGLI ALLEGATI II, III, IV DEL REGOLAMENTO CEE 259/53 IN MODO DA INTEGRARE IL TRAFFICO ILLECITO SECONDO QUANTO STABILITO DALL’ART. 26 DEL REGOLAMENTO STESSO

NEL CASO DI SENTENZA DI CONDANNA O DECISIONE EMESSA AI SENSI DELL’ART. 444 DEL C.P.P. SI HA LA CONFISCA DELL’AREA SU CUI E’ REALIZZATA LA DISCARICA ABUSIVA SE E’ DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE O DEL COMPARTECIPE AL REATO. SONO FATTI SALVI GLIOBBLIGHI DI BONIFICA O RIPRISTINO DEI LUOGHI PENA DELL’ARRESTO SINO A 2 ANNI ED AMMENDA DA LIRE 3 MILIONI A LIRE 50 MILIONI. LA PENA è AUMENTATA NEL CASO DI RIFIUTI PERICOLOSI

ART. 53 C.2

IDEM ALLA SENTENZA DI CONDANNA O QUELLA EMESSA AI SENSI DELL’ART. 444 C.P.P. PER LE CONTRAVVENZIONE DI CUI AL COMMA 1 DELL’ART. 53 E QUELLE DI CUI AGLI ARTICOLI 27, 28, 29, 30, 31, 31, 33 E DALL’ART. 15 CONSEGUE OBBLIGATORIAMENTE LA CONFISCA DEL MEZZO