MatteucciaQuesta felce rustica è detta anche "piuma di struzzo" per le sue fronde vaporose, che sembrano proprio imitare forma e leggerezza delle piume.

Si tratta di una specie che perde le foglie a fine stagione e ne produce di nuove in primavera, seguite a inizio estate da una seconda generazione di fronde più alte, che diventeranno gialle e brune con 1’autunno.

Le fronde interne più corte producono spore e durano tutto l’inverno, suggestive sotto la neve e la brina. Come la maggior parte delle felci, la matteuccia preferisce gli ambienti umidi, ombrosi e ricchi di humus, protetti da muri e da altra vegetazione e vive bene vicino ai laghetti. Se si trova a suo agio, espande i fusti sotterranei e crea grandi colonie da controllare, perché possono diventare invadenti.

POSIZIONE

MatteucciaÈ essenziale scegliere un angolo all’ombra, che offra umidità costante alle radici e ripari le fronde dai venti freddi o disseccanti. I bordi degli specchi d’acqua sono il luogo d’impianto ideale. Naturalmente, data la sua attitudine a produrre spontaneamente nuove piante ai lati di quella principale, bisogna lasciare alla felce ampio spazio per svilupparsi in larghezza.

PIANTAGIONE

Innaffiate bene un’ora o due prima della messa a dimora. Se il terreno tende a seccarsi, aggiungete abbondante composta matura. Pacciamate dopo la piantagione.

CONCIMAZIONE

Oltre alla pacciamatura primaverile, indispensabile per nutrire e mantenere umide le radici, non serve altro.

IL PRIMO ANNO

Bagnate spesso le piante durante l’estate e schermatele quanto più possibile dai venti disseccanti.

ASSOCIAZIONI CONSIGLIATE

MatteucciaLe alte primule Candelabra, con i loro colori vivaci, sono ottime compagne della matteuccia dalla tarda primavera a inizio estate; poi, nel pieno della bella stagione, le astilbe completano il quadro con i loro pennacchi bianchi, rosa o rossi. In autunno Eupatorium purpureum rimpiazza i colori delle felci morenti con i suoi fiori rosa porpora. Il fogliame dorato o variegato di Carex rallegra lo scenario invernale quando le fronde della matteuccia sono tutte brune.

CONSIGLI

Le felci non sono solo decorative: le fronde esterne, per esempio, decomponendosi si trasformano in ottima composta di foglie. Se accettate un po’di disordine in giardino o se la matteuccia cresce in un angolo appartato, in autunno non recidete le fronde esterne e lasciate che si decompongano a poco a poco, nutrendo il terreno.

Se cercate una felce con bei colori autunnali, scegliete Matteuccia orientalis: alta circa 60 cm, quindi meno imponente di M. struthiopteris, ha fronde arcuate che assumono un’incantevole sfumatura giallo ambra prima di appassire.