CallaA guardarle da lontano, le calle sembrano troppo belle per essere vere. Le foglie slanciate e gli incantevoli "fiori" cerosi (che in realtà sono spate, ovvero foglie modificate) evocano suggestioni tropicali.

‘Green Goddess’ è una delle varietà più rustiche e nuove di Zantedeschia aethiopica, in grado di sopravvivere all’aperto se l’inverno non è troppo rigido. È una rizomatosa che cresce felicemente nelle bordure, lungo i bordi umidi dei laghetti o con le radici del tutto immerse nell’acqua poco profonda, sulla quale i suoi lussureggianti cespi verdi proiettano immagini di pura bellezza.

La calla vive bene anche in vaso e, nelle zone a clima mite, spesso le foglie rimangono verdi per tutto l’inverno, ma bisogna proteggerla dalle gelate, che fanno morire chioma e radici.

POSIZIONE

CallaLe calle vogliono terreni ricchi e umidi nelle bordure e nel giardino acquatico, una posizione aperta, in pieno sole o un po’ in ombra, al riparo dal vento. Si coltivano anche in cesti sommersi nei laghetti o in vasi da mantenere sempre ben innaffiati.

PIANTAGIONE

I nuovi rizomi si acquistano in primavera. Se volete coltivare la calla nella zona marginale del laghetto, piantate ogni rizoma in un cesto di rete metallica largo 20 cm e un po’ più profondo (30 cm) riempito di terra concimata con letame; immergetelo a 30 cm di profondità, appoggiandolo, se necessario, su qualche mattone. Nelle bordure i rizomi vanno interrati a 15 cm di profondità, distanti circa 45 cm l’uno dall’altro e, infine, coperti con uno strato di pacciamatura alto 5 cm.

CONCIMAZIONE

CallaIn primavera distribuite una manciata di concime organico in granuli attorno ai cespi delle bordure. Durante la fioritura, ogni quindici giorni, nutrite con concime liquido.

IL PRIMO ANNO

Mantenete sempre umido il terreno di aiuole e vasi. Controllate il livello dell’acqua del laghetto: le calle non devono essere piantate né troppo profonde né troppo superficiali.

ASSOCIAZIONI CONSIGLIATE

Le calle in vaso conferiscono un tocco esotico agli allestimenti e si sposano bene con altre piante a fioritura estiva come le margherite.

CONSIGLI

Per sopravvivere all’aperto, anche le calle più rustiche (come Zantedeschia aethiopica ‘Green Goddess’) devono essere protette in inverno nei loro primi anni di vita; poi, con il passare del tempo, l’apparato radicale si sviluppa in profondità, dove il gelo non arriva. Per questo motivo è essenziale, in autunno, coprire il cespo con uno strato di foglie morte, paglia o altro materiale simile, spesso almeno 20-30 cm; andrà rimosso non appena cominceranno a formarsi nuove foglie.