Coleottero arlecchino

A prima vista, si pensa di vedere uno scarafaggio colorato che procede lentamente sul proprio cavolo. Ma un attimo, non sono degli scarafaggi – sono dei puzzolenti piccoli insetti colorati con dei segni neri e arancione. Il bel coleottero arlecchino non è affatto una benefica aggiunta al proprio giardino.

I COLEOTTERI ARLECCHINO NON FANNO I BUFFONI IN GIRO

Il coleottero arlecchino straordinariamente colorato (alcune volte chiamato il coleottero del cavolo, della tela di cotone, oppure del fuoco) distrugge in maniera definitiva il cavolo e altre coltivazioni delle crocifere all’interno del giardino. Delle macchie giallognole sopra le foglie della pianta, provocate dal pasto dell’insetto, generalmente sono i primi segni di un danno di cui ti accorgerai in futuro. Nelle pesanti infestazioni, tutta la pianta può essere succhiata fino a seccare e poi morire.

Prima di piantare la propria prima piantina giovane durante la primavera, si potrebbe pensare a come tenere sotto controllo questi insetti nocivi alle piante del giardino, prima che il loro numero possa aumentare. I coleotteri arlecchino amano molti tipi di terreno in cui procreare e depositare le loro uova. Un giardino pulito e ben fatto manterrà il numero di questi insetti basso. In ogni caso, non importa quanto è pulito il giardino, se si vive vicino ad un campo pieno d’erbacce o si ha un vicino di casa con l’orto simile ad una giungla, a quel punto si potrebbe avere un’infestazione di coleotteri arlecchino. Questo tipo di coleotteri amano la senape, così basta concentrare i propri sforzi nell’eliminazione di questa erba infestante al più presto.

Disporre delle trappole può essere un buon passo successivo per provare se i coleotteri arlecchino persistono all’interno del giardino. Una trappola fatta con delle piante funziona bene con questi insetti. Fino a quando a loro piace la mostarda ed il cavolo, piantarne un po’ solo per loro. A differenza degli afidi, i coleotteri arlecchino sono dei corridori veloci, e se si alza la pianta per sbarazzarsi di questi coleotteri, si deve veramente disseminarle tutte intorno. È più saggio spruzzare prima i coleotteri sopra la pianta, quando essi sono storditi. Inzuppare la pianta dentro l’acqua saponata subito dopo averla tirata garantirà che tutti i coleotteri sono morti, prima di collocare la pianta.

La vespa parassita (Telenomus) è un importante predatore naturale contro il coleottero arlecchino. Il suo obiettivo primario sono le uova del coleottero. C’è anche una specie di mosca parassita nella famiglia delle Tachinidae che attacca le uova e le ninfe di questo coleottero.

Si può ridurre la popolazione dei coleotteri arlecchino anche raccogliendo a mano le uova quando si vedono sopra le foglie. Le uova sono semplici da distinguere – loro sono stipate insieme ed assomigliano a sottili cilindri bianchi con delle bende nere intorno a loro.

LA VITA DI UN COLEOTTERO ARLECCHINO

Il coleottero arlecchino (Murgantia histrionica) è un membro della famiglia dei coleotteri veri, Hemiptera. A differenza degli altri insetti che noi chiamiamo coleotteri, solo i membri di quest’ordine possono essere chiamati tali. Tutti i veri coleotteri possiedono un primo paio di ali che si piegano fino ad appiattirsi sopra la schiena dell’insetto. Il termine Hemiptera significa effettivamente “Mezza ala.” Queste ali, chiamate hemelytra, generalmente sono coriacee verso la base e membranose alla fine ed assomigliano ad un riparo sulla schiena. I coleotteri veri hanno anche una bocca che succhia, chiamata becco, che loro usano per forare le piante. Alcune specie, come i cugini del coleottero arlecchino, la cimice dei letti, usa il becco anche per forare la pelle umana.

I coleotteri arlecchino adulti trascorrono il periodo invernale dentro i frammenti della pianta e si manifestano nella stagione primaverile per deporre le uova indifese. Di solito le uova sono deposte sulla superficie delle foglie, in gruppi di almeno dieci unità. Le uova si schiudono diventando ninfe che sembrano dei coleotteri adulti in miniatura e si possono disperdere rapidamente alla ricerca di cibo sopra le piante desiderate. Sia quelle adulte che le ninfe sono nocive per il giardiniere.