Pioppo bianco

Pioppo Bianco

Il Pioppo Bianco è un albero di seconda grandezza, alto sino a 30 (42) m, longevo, a tronco eretto, corteccia bianca e liscia, corona ampia e largamente arrotondata, i ramuli e le gemme sono pelose e bianco-tomentose.

Foglie adulte (dei brachiblasti) brevemente picciolate (2-3 cm), a lamina ovata o ellittico-allungata (48 x 3-5 cm), sinuata e ottusamente dentata ai margini, grigia di sotto, foglie turionali lungamente picciolate (5-9 [171 cm), a lamina palmato-lobata (6-10 [17] x 5-9 [151 cm), con 5 lobi grossolanamente dentati ai margini, di colore verde intenso di sopra e bianco-tomentosa di sotto.

Fiori in amenti laterali: i maschili cilindrici (8-10 cm), con (3) 6-8 (10) stami e antere dapprima porporine poi gialle, i femminili molto più brevi (3-7 cm), con stigmi rosa. Cassula glabra. Fiorisce in febbraio-marzo.

Il Pioppo bianco ha un areale che si estende dall’Europa centro-meridionale all’Asia occidentale e al Nord-Africa; in Italia è comune in tutta la penisola, dal piano sino in montagna, salendo nelle Alpi sino a 1540 m. Specie mediamente lucivaga e termofila, predilige i terreni alluvionali profondi freschi e fertili di buona permeabilità e vive, sparso o in gruppi, in consorzio con latifoglie ripicole varie, in particolare con Salici, Ontani e Frassino e, in clima mediterraneo, anche in associazioni proprie (Populetum albae).

Albero di primo merito per le alberature stradali è spesso coltivato come pianta ornamentale (in particolare la var. peroneana).

Pioppo Bianco

Il legno del Pioppo Bianco, con alburno bianco ben distinto dal durame più scuro, è tenero e omogeneo, ma di valore mediocre, si usa per tavolame corrente, per imballaggi e come legno cieco nella costruzione dei mobili comuni; i pedali e le radiche sono ricercati, per le loro marezzature, per materiale da trancia e da impiallacciatura.

Impieghi speciali sono quelli dalla fabbricazione degli zoccoli e dei fiammiferi. Nell’industria cartaria si usa nella produzione della cellulosa al bisolfito. La corteccia è ricca di tannino e di salicina.