I RODITORI

Cosa intendiamo quando parliamo di roditori? In questo articolo andremo ad analizzare le varie specie di roditori, mettendone in evidenza abitudini comportamentali e metodi di allontanamento.

LE TARTARUGHE

Alle tartarughe piace banchettare sopra le proprie piante, gli ortaggi, le radici dell’albero e qualsiasi altra cosa dentro di cui possono arrivare con i propri denti e che cresce con le radici. I loro denti possono arrivare ad una lunghezza di 14 pollici nel corso di un anno. Essi si assottigliano soltanto continuando a crescere. Per parlare solo della differenza che si deve osservare nei loro monticelli di terra. I ponticelli di terra creati dalle tartarughe hanno la sporcizia sistemata tutta da una parte, mentre le talpe ne costruiscono altri a forma di vulcano con l’entrata al centro. L’entrata creata dalle talpe è generalmente otturata.

La maggiore tartaruga infestante è la geomide; essa possiede delle tasche foderate di pelo nelle proprie guance, che usa per riportare il cibo nel proprio nido da conservare. Il loro cibo preferito è l’erba medica.

Mettere 3 oppure 4 gocce d’olio essenziale di menta (non l’estratto) sopra l’ovatta e sistemarla a tutte le entrate delle tane delle tartarughe e delle talpe. Sono animali allergici alla menta e lasceranno l’orto oppure starnutiranno fino a morire. Anche la Citronella funziona bene se non si trova l’olio essenziale di menta. Sopra l’ovatta si puo mettere anche il prodotto “Deer Off™” in modo da irritarle. Anche altri tipi di oli funzionano bene, come quello alla mentuccia, alla citronella e la lavanda.

Ci sono le rocce laviche che sono state in ammollo dentro una soluzione d’aglio e cipolla che emanerà l’odore lungo tutte le gallerie fino ad un grado che costringerà le tartarughe e le talpe a fare i bagagli ed andare verso gli orti vicini. Quei tipi di rocce sono sepolte a circa sei pollici di profondità nelle zone dove sono presenti le piante sopra cui si stanno nutrendo. A seconda della quantità di pioggia o dell’acqua presente nella zona, le rocce rimarranno efficaci per 4 o 12 mesi. Esse sono vendute come “Rodent Rocks™.”

Se si lasciano alcune uova fuori del frigorifero per circa 2 o 3 settimane, esse cominceranno ad emanare una certa quantità di acido solfidrico proveniente dalle sostanze chimiche presenti a causa della decomposizione. L’odore delle uova marce è molto fastidioso per le tartarughe e le talpe e non apprezzeranno il fatto di avere fatto marcire queste uova all’interno dei quartieri e delle gallerie dove vivono.

Se si ha un continuo problema con le tartarughe, sarebbe meglio stendere uno strato di fil di ferro che si usa per una voliera (formata da una rete di circa ¼ di pollice) a circa 6 pollici di profondità. Si può anche seppellire ½ pollice di filo di ferro zincato alla rete del recinto a circa due piedi di profondità come barriera. Il filo deve percorrere tutta la strada fino alla superficie per essere efficace.

Le bottiglie di vino colorate, sono state usate in maniera molto efficace, quando sono sistemate nel sottosuolo intorno al giardino. Le tartarughe e le talpe vedono il loro riflesso e si spaventano ed in seguito scappano via.

Se si pianta una discreta quantità di piante di cipolla ed aglio intorno al giardino, si respingeranno le tartarughe e le talpe. Questi animali preferiscono le zone dove non sono presenti questo genere di piante che li disturbano.

I serpenti della tartaruga adorano dare la caccia e poi mangiare le tartarughe e le talpe. Non sono velenosi, e molte persone li considerano animali da compagnia. Il proprio negozio d’animali di zona dovrebbe avere un serpente della tartaruga che si deve soltanto gettare sulla tana delle tartarughe o delle talpe. Probabilmente non si ripresenterà un problema con questi animali per molto tempo.

La prugna della tartaruga (uphorbia lathyrus) è una pianta che contiene dei baccelli ognuno dei quali ha, al proprio interno, tre semi. La pianta è un repellente naturale contro le tartarughe e le talpe e qualsiasi altro animale sotterraneo. Le radici sono molto velenose per essi come anche per gli esseri umani ed eliminerà il problema entro breve tempo. Non toccare con le mani la sostanza lattiginosa di colore bianco o farla schizzare in faccia: nel caso ciò avvenga lavare immediatamente. È meglio piantare questa pianta come siepe intorno al giardino ed è usata molto lungo la costa orientale degli Stati Uniti.

Un Buco Nero (Black Hole™) è una trappola circolare con un buco alla fine. Una mela attaccata ad un pezzo di corda è usata in maniera molto efficace nella cattura delle tartarughe. Esistono molte trappole fatte per intrappolare le tartarughe e le talpe ma il Buco Nero sembra essere il migliore.

Uno dei killer più efficaci contro le tartarughe e le talpe è la vitamina D oppure in realtà la D3. La D3 è un genere di vitamina D che agita il metabolismo del calcio negli animali che vivono sotto terra ed alla fine uccidendoli. La vitamina D3 è innocua verso l’uomo e gli animali ma è un killer eccellente contro le tartarughe e le talpe.

Basta acquistare un pacchetto di sigarette senza filtro e tagliuzzarle. Gettare i pezzi di tabacco sopra tutti i fori, e la nicotina delle foglie ucciderà le tartarughe e le talpe. Tenere la nicotina lontana dalle rose e dai pesci. La nicotina è un veleno.

Mischiare una tazza d’olio di ricino e 3 cucchiai di Ivory Liquid soap dentro 1 gallone di acqua e versare un po’ della soluzione lungo ogni foro ed intorno alle zone colpite. È possibile usare uno spruzzatore se lo si desidera. Applicare questa miscela alle prime ore della mattinata di una giornata molto calda per avere i migliori risultati.

Versare un habanero o del serrano chili lungo il foro della tana della tartaruga o della talpa e non si rivedranno mai più. Essi scaveranno fino in Cina per allontanarsi il più possibile.

Esistono alcuni prodotti presenti in commercio che possono essere usati nel caso qualsiasi altro sistema non funzioni. Delle bombe di fumo contro le talpe disponibili in commercio, si possono trovare nei negozi che vendono prodotti per il giardinaggio. La talpa, ad ogni modo, se scappa ritornerà finché le gallerie non sono distrutte e troveranno una nuova casa.

Vedi anche  Animali di varia natura

Quello di gettare alcune palline di naftalina è un sistema che funziona molto bene, esse ne odiano l’odore ed abbandonano immediatamente la loro casa felice. Le palline di naftalina sono anche molto velenose per l’uomo come anche per gli animali. Questa potrebbe essere l’ultimissima risorsa.

Se si mettono a dimora alcune piante di semi di ricino Euphobia lathyris intorno al proprio giardino, essa ucciderà sia le tartarughe che le talpe oppure farà in modo che si spostino da un’altra parte. Le foglie e gli steli sono velenosi e dovremo tenere lontani gli animali ed i bambini da queste piante.

Esistono degli oli che elimineranno tutti i roditori. Basta aggiungere 1 tazza d’olio di ricino, dell’olio ottenuto dalle piante del tè, dell’olio di cinnamomo, olio d’aglio oppure dell’olio minerale ad 1 gallone d’acqua calda. Mettere un po’ di sapone liquido naturale alla miscela e spruzzare nella zona infestata. Questo è uno spray abbastanza potente. Se si vuole solo spaventarli per farli scappare, usare soltanto 4 gocce di questi oli dentro un gallone d’acqua e non spruzzare direttamente contro di essi.

Le tartarughe adorano la gomma al Succo di Frutta. Basta lasciare un bastoncino o due lungo il foro della tartaruga ed esse lo mangeranno tappandosi in questo modo il proprio tratto intestinale. È meglio indossare i guanti, quando si scarta la gomma per porgerla, in modo da sfuggire all’odore dell’uomo.

Acquista una piccola, ed economica radio portatile e mettere all’interno di essa una batteria a lunga durata. Avvolgere la radio dentro la plastica e poi accenderla, dopodichè calarla lungo la galleria che porta alla tana della tartaruga. Se essa non cambia la stazione non la si rivedrà mai più.

Con questo sistema si scacceranno immediatamente le tartarughe e le talpe. Questi non riescono a sopportare l’odore di pesce ed in particolare di quello andato a male. I nonni usavano un trucco che funzionava, ogni volta che si vedevano le gallerie che conducevano alle tane delle tartarughe o delle talpe. Lui avrebbe fatto cadere la testa di un pesce, lungo il buco e non si rivedranno mai più le tartarughe. Questo sistema le infastidisce e le farà spostare immediatamente verso delle zone dove si sente di meno l’odore.

Mi ricordo i cartoni animati in cui la tartaruga era scacciata con una manichetta infilata dentro il suo tunnel. Questo sistema funziona, ma potrebbe anche fare crollare le gallerie nel proprio orto e creare un grosso pasticcio per rifarlo.

Questo sistema li fa veramente impazzire. Bloccare tutte le uscite dei loro tunnel e lasciarne aperta solo una per qualche minuto. Fare cadere un segnale luminoso per illuminare la via maestra e non ci saranno più tartarughe o talpe.

Mettere un bastoncino dentro il terreno vicino ad una delle loro gallerie ed attaccare al bastoncino una girandola tintinnante. Le vibrazioni provenienti dalla girandola le farà stranire. Le tartarughe sono estremamente sensibili alle vibrazioni del terreno.

Il Go’ pher™ può essere acquistato nei negozi di giardinaggio e questo strumento emette un rumore ad ultrasuoni. È una unità che funziona a batterie ed emette un suono che non può essere udito dall’orecchio umano e da molti animali. Terrà distanti anche le talpe e le arvicole. Questo strumento è pubblicizzato per tenere libere le zone fino a 1000 piedi quadrati, sgombre da questi animali selvaggi nocivi.

Le tartarughe odiano le zone dove sono presenti i bulbi di cipolle marine. Queste fioriture ornamentali che hanno la forma di un tubero, hanno le foglie coperte d’erba e dei ciuffi di fiori alla sommità di lunghi steli. Sono semplici da fare crescere e se si delimita il proprio giardino, terrà lontane tutte le tartarughe.

TOPI/RATTI

I topi, in quanto appaiono astuti possono provocare dei danni all’impianto di negozi d’abbigliamento ed alimentari. La U.S. Environmental Protection Agency prevede che soltanto un paio di topi in un periodo di sei mesi può consumare circa quattro libbre di prodotti alimentari e contaminarne altre 40 mentre lasciano 20000 gocce lungo la strada. Un paio di topi può partorire fino a 50 piccoli in un anno. Intrappolarli è ancora uno dei sistemi migliori.

Un ratto può cadere lungo 50 piedi ed atterrare sulle proprie zampe senza farsi male, e farsi strada lungo una galleria che ha la dimensione di un quarto di piede. Essi possono anche mantenersi a galla in posizione verticale muovendo solo le zampe per 3 giorni senza salvagente e sopravvivere ad un’esplosione atomica se non sono a livello zero.

L’intrappolamento è il sistema migliore per sbarazzarsi dei topi e dei ratti. Nel caso abbiamo deciso di intrappolare i topi, usare molte trappole: basta tenerle lontane dai bambini e dagli animali domestici. Si possono munire di esca le trappole con dei batuffoli di cotone, in modo da attirar le femmine oppure del burro di arachidi, di cui sono molto golosi. Se si vuole dare loro un buon trattamento, mischiare il burro d’arachidi con dell’avena spulata e schiacciata, dopodichè aggiungere dell’uva passa. Ricordarsi che i topi camminano lungo i bordi del muro. Non mettere le trappole per un giorno o due, basta sistemarle, questo le inganna veramente e si avranno dei risultati immediati, quando si sistemano le trappole.

Altri alimenti che funzionano bene nelle trappole sono le caramelle gommose e la frutta secca. Se si è stanchi dei ratti Norway basta dare ad essi da mangiare egli hot dog messi nella trappola.

A Cleveland nell’Ohio esiste ancora una vecchia legge scritta sui libri che proibisce di dare la caccia ai topi senza la licenza.

I roditori ed in particolar modo i topi, sono allergici all’olio essenziale di menta piperita e non frequentano un posto dove possono sentirne l’odore. Se si mettono alcune gocce d’olio essenziale di menta piperita sopra un batuffolo di cotone e si mette dovunque si pensa sia presente un problema di topi, non si rivedranno mai più. Usare soltanto il “vero” olio essenziale di menta piperita, non un estratto, per avere i risultati migliori. Si può anche piantare della menta piperita per tenere lontano qualsiasi tipo di roditore dalle piante. Si tengono lontani anche dalla canfora e dal catrame di conifere.

Si è scoperto che gli strumenti che emettono ultrasuoni funzionano in maniera molto efficace contro i roditori.

Vedi anche  LE TIPULE

Se si lascia una scodella di fiocchi di patata ed un’altra d’acqua dove i topi possono arrivare, essi berranno l’acqua e mangeranno i fiocchi. I fiocchi si espanderanno nei loro stomaci e questi ultimi esploderanno uccidendoli.

I topi tendono a danneggiare i bulbi della pianta, in particolare durante la primavera. Per ridurre la quantità di danni basta miscelare insieme ½ oncia di TABASCO SAUCE™ oppure un’altra salsa piccante dentro 1 pinta d’acqua, aggiungere ½ cucchiaino d’Ivory Liquid Soap™ ed 1 cucchiaino di pepe di cayenna. Mettere la miscela dentro una bottiglia spray e spruzzare intorno alla base delle piante.

Nel caso si sia abbastanza fortunati da individuare una tana sotterranea attiva di roditori, fare cadere qualche mattonella di carbone per il barbecue giù sopra la tana. Il monossido di carbone dovrebbe uccidere i roditori. Si può anche fare cadere qualche pezzo di ghiaccio secco nella tana e il diossido di carbone emanato ucciderà i roditori.

Esiste qualche genere di fitta vegetazione nei pressi delle quali ai roditori non piace vivere. Tra di esse ci sono l’adjuga, la bugola, la gramigna, la camomilla, la fragola presente sopra le rocce in India e qualsiasi pianta rampicante del genere Veronica.

I cani sono i migliori nella caccia ai ratti, anche rispetto a parecchi gatti. Infatti, il ratto terrier fu chiamato così perché era un grande cacciatore i ratti.

La città di New York ha avuto un problema del genere con i ratti e gli abitanti hanno effettivamente innalzato delle cassette come nido per i barbagianni, in modo da attirarli. Una famiglia composta da 6 barbagianni può consumare non meno di 16 o più ratti solo in una notte. Questo sistema però non ha funzionato molto bene perché queste cassette furono rubate.

Prendere una grossa scodella e cospargerne l’interno di burro in modo da renderla scivolosa. Sistemare un pezzo di formaggio sul fondo e innalzare una rampa con un pezzo di legno, un abbassalingua o qualsiasi altra cosa del genere. Il topo andrà verso la trappola e non sarà più in grado di uscire.

I roditori eviteranno alcune piante che emanano delle fragranze ripugnanti. Tra queste ci sono i narcisi, i giacinti e la scilla.

Un metodo sicuro per sbarazzarsi de roditori è quello di sistemare qualche goccia di “Nepeta” oppure olio essenziale di lattaia sopra un batuffolo di cotone e metterlo dovunque sia presente questo problema.

I ratti odiano i topi e basta dare ad essi la possibilità di inseguirli e poi ucciderli. Se a te non dispiace la presenza di qualche ratto, non si avranno dei problemi con i topi. Questo è un grande sistema per liberarsi dei topi.

Un sistema non tossico contro i ratti ed i topi è quello di mettere un piatto con dentro della farina di grano e fare seccare il cemento mischiato insieme dentro un posto facile per essi da localizzare e scoprire. Sistemando una bacinella d’acqua vicino al piatto si faranno diventare più veloci gli stomaci dei roditori e andranno verso il cemento solido.

TALPE/ARVICOLE

Le talpe sono bravissime nello scavare delle gallerie con le loro potenti unghie poste sulle zampe anteriori. Le talpe in realtà non fanno parte della famiglia dei roditori, ma ad ogni modo, sono comprese in questa categoria da quando tutti i deterrenti usati contro le tartarughe funzionano altrettanto bene contro di esse. Normalmente preferiscono vivere sopra gli insetti, ma quando questi sono mischiati al sistema radicale di una pianta, essi mangeranno sia l’insetto che le radici della pianta. Il loro emittero preferito è il bacherozzolo e se si riesce a controllare la popolazione di questi insetti si sarà probabilmente capaci di controllare la popolazione di talpe presenti nel proprio orto.

Spruzzando all’interno di esso un insetticida contro le pulci all’inizio della primavera, si eliminerà la maggior parte della popolazione di bacherozzoli e si ridurrà il numero totale d’insetti di cui si nutrono le talpe. Sono stati tentati parecchi sistemi diversi per eliminare le talpe, compresi: i fumogeni, acqua a pressione costante, veleni, trappole per ratti, granate e dinamite.

In quanto le talpe impiegano molta energia non possono sopravvivere più di qualche ora senza mangiare.

Alle tartarughe ed alle talpe non piacciono i suoni ad alto volume. Se si mette una radio a transistor che suona del rock duro nel loro regno, non si rivedranno mai più. Essi sono molto sensibili alle onde sonore.

Controllando i bacherozzoli presenti nella propria zona, esistono delle possibilità di non vedere mai più in giro una talpa.

La lettiera, usata, del micio messa dentro la galleria della talpa farà in modo che esse si spostino verso la proprietà vicina molto rapidamente.

Sistemare una spiga di grano fresca, dipinta con del catrame come copertura nella loro galleria. Esse odiano l’odore di catrame e andranno a cercare una nuova casa negli orti confinanti.

Gettare alcuni quadrati di EX-Lax™ giù lungo la loro tana. Non si rivedranno mai più!

PORCOSPINO

Il porcospino è conosciuto anche come il “maiale dalla siringa” e fa parte della famiglia dei roditori. Ha circa 30000 siringhe coperte di spine, che sono pungenti in cima. Le siringhe coprono tutto il loro corpo, ad eccezione della parte di sotto e della testa. Essi adorano la corteccia sottile dell’albero, le foglie ed i germogli ma sono golose e mangeranno il granturco, il melone ed i frutti indeiscenti se li possono avere. Essi sono stati conosciuti per rovinare i cespugli di more spogliando della corteccia gli steli ed i tronchi. Se il proprio cane sta scappando all’interno con un porcospino sarebbe meglio portarlo il più presto possibile da un veterinario. Se scioccandoli non si ottiene nulla sarà meglio intrappolarli.

I porcospini sono dei buoni scalatori e si avrà bisogno di una rete metallica a maglie strette come recinzione, alta circa 2 piedi con un filo elettrico in cima appena qualche pollice al di sopra. Formare un anglo di 65° ad una certa distanza dal giardino per avere i risultati migliori.

I TOPORAGNI

Si deve essere furbi per catturare un toporagno, ma il sistema migliore è una comune trappola per topi. La trappola deve essere di burro d’arachidi ed avena spulata e schiacciata e se si aggiunge appena un pizzico di grasso di pancetta o hamburger se ne incrementerà l’efficacia.

Vedi anche  Oli essenziali

GLI SCOIATTOLI

Se si mischia una certa quantità di deterrente spray contro gli scoiattoli, si terranno lontane le piccole e astute creature dalle proprie pianticelle, sopra le quali a loro piace masticare. Mettere sul fuoco un quarto di acqua e togliere appena comincia a bollire, dopodichè aggiungere due cucchiai di pepe di cayenna e ½ cucchiaino di Tabasco Sauce. Fare riposare per circa 2-3 ore assicurandosi che sia molto freddo prima di mettere la miscela dentro uno spruzzatore e spruzzare sugli steli delle piante appena compaiono le gemme.

Ad alcuni scoiattoli piace masticare le gambe di legno dei mobili da giardino. Per fermarli, basta passare sulle gambe una soluzione ben diluita di peperoncino, ed in seguito strofinarle completamente. Questo trattamento lascerà abbastanza residuo piccante da scoraggiarli.

Mettere una quantità molto bassa di lettiera per gatti usata intorno alla base delle piante che stanno germogliando. Questo trattamento dissuaderà gli scoiattoli e le tamie dal dissotterrare i bulbi. Questo metodo funziona bene anche sulla fioritura delle piante nelle zone dove è presente un problema con i roditori. Essi pensano che ci sia un gatto nelle vicinanze in attesa per balzare sopra di essi.

Sistemare una fascetta di metallo intorno ai tronchi degli alberi funziona bene fino a quando non ci saranno altri alberi da cui lo scoiattolo può saltare. La fascetta dovrebbe essere di metallo levigato e larga almeno 2 piedi e sistemata 6-8 piedi fuori del terreno.

Se sono presenti delle aperture provenienti dall’esterno dentro l’attico, sarebbe meglio mettere della lana d’acciaio per impedire agli scoiattoli, ed altre creature, di entrare e sistemarsi all’interno. Se sono già presenti nell’attico, allora mettere un pesante pezzo di gomma in modo da bloccare l’apertura e permettere ad esse di uscire e non di entrare.

Queste trappole possono essere acquistate in molti negozi di ferramenta o quelli che vendono articoli per il giardinaggio. La trappola ha bisogno di avere del burro di arachidi, di noci, o di semi oppure anche il loro preferito estratto alla vaniglia!

Quando gli scoiattoli diventano infestanti e si introducono negli alberi da frutto, provare a vincolare qualche “vero” piatto di alluminio per torte, all’albero in modo da spaventarli e metterli in fuga. Metterli sopra i rami bassi di tutti gli alberi.

Se si mette uno strato di gel lubrificante intorno al tronco dell’albero, avente circa un piede di larghezza, gli scoiattoli non saranno in grado di arrampicarsi sull’albero. L’unico problema è se si ha un altro albero che non è stato trattato in questo modo troppo vicino all’albero che si vuole proteggere. È meglio trattare in questo modo, tutti gli alberi.

Se si vuole scoraggiarli, basta mettere un po’ di Tanglefoot™ intorno al tronco dell’albero. Questa sostanza appiccicosa li scoraggerà dallo scalare l’albero.

Se si riescono ad avere delle bottiglie di latte di plastica da un quarto, quelle con delle piccole maniglie, basta fare passare un nastro attraverso le maniglie ed appenderle intorno ai tronchi degli alberi dove si ha questo problema. Se non si riescono a trovare abbastanza bottiglie di questo tipo usare quelle da un gallone e tagliarne la sommità, dopodichè inchiodarle con la parte aperta rivolta in basso intorno al tronco dell’albero facendo in modo che si tocchino.

Se si cosparge del cibo al sangue intorno ai bordi del giardino dove è presente questo problema, gli scoiattoli non verranno.

Preparare uno spray ottenuto con del peperoncino passato e diluirlo con acqua, quindi aggiungere dell’Ivory Liquid soap e spruzzarlo sulle piante che gli scoiattoli stanno frequentando per tenerli lontano.

Passare un po’ di peperoncino piccante e aggiungere un po’ di olio minerale, dopodichè applicare sopra le spighe di grano che hanno questo problema per respingere gli scoiattoli. Basta applicare la soluzione alla terminazione del granturco.

Sopra gli alberi possono essere messi degli schermi, in modo da impedire agli scoiattoli di arrampicarsi, ad ogni modo se altri alberi nelle vicinanze non sono stati schermati essi potranno saltarci sopra.

LE MARMOTTE AMERICANE

Questi roditori sono conosciuti anche come “maiali della terra” e possono provocare veramente molti danni dentro un giardino o una fattoria. Solitamente si trovano nelle fattorie vicine ad una zona boschiva e riescono a costruire delle tane che possono provocare dei danni ai veicoli di un’azienda agricola. Vanno in letargo nel periodo invernale. Alimentano la loro grassa propaggine e la loro respirazione può arrivare fino a solo un respiro ogni 5 minuti. Le marmotte americane vivono solo per 4-5 inverni. Scavano delle tane sotterranee profonde fino a 2-5 piedi e continuano a migliorarla o ne costruiscono una nuova. I cavalli ed altri animali da fattoria si sono spesso feriti cadendo a causa delle tane costruite da queste marmotte.

Bisogna fare attenzione intorno alle marmotte americane in quanto sono portatrici d’idrofobia e non si vuole essere infettati. In caso contrario andare immediatamente dal dottore. Se si ha un grosso problema con questi animali, l’intrappolamento è l’unica risposta.

Alle marmotte americane non piacciono alcune piante della famiglia delle allium. Tra queste ci sono l’aglio e le cipolle.

Ridurre a puré alcuni peperoncini molto piccanti, scolare la miscela e aggiungere acqua ed alcune gocce di sapone liquido, dopodichè spruzzare nell’area dove si ha questo problema. Ad essi non piace il peperoncino e se ne andranno molto rapidamente.

Basta spruzzare un pasto al sangue o anche del talco in polvere intorno ad una tana per spingere la marmotta a trovare un altro posto in cui poter stare.

Se si ha un problema serio, il metodo migliore per risolverlo se la zona non è molto estesa, è con un recinto. Il recinto ha bisogno di essere a 3-4 piedi d’altezza ed almeno 18 pollici di profondità. Se si ha la possibilità di elettrizzare il trefolo in cima, potrebbe aiutarci, ed allo stesso momento piegare ad un angolo di 65° di distanza dal proprio giardino per fare in modo che non riescano ad arrampicarsi facilmente.

Se si sistema del ghiaccio secco nel loro tunnel, essi scapperanno abbastanza rapidamente. Ad esse non piace incrementare l’anidride carbonica che è rilasciata.

Summary
Article Name
I RODITORI
Description
Specie di roditori più comuni. Caratteristiche ed abitudini comportamentali.
Author
Publisher Name
Imprendo Multiservizi