COME COMBATTERE I FEDELI NEMICI

Non si discute che la prevenzione rimanga sempre il sistema efficace e, alla lunga, forse più economico nel trattare i problemi di disinfestazione, tuttavia nella realtà è difficile affermare che la sensibilità sia tale che già i progettisti, o chi si occupa di edilizia, di riadattamento di edifici, dedichi specifica attenzione a non facilitare l’insediamento delle popolazioni murine.

Nella realtà, bene o male che sia, si interviene quando il problema si presenta e se sono stati fatti passi avanti, in tutte le aree viene segnalata un’attenzione più marcata anche al tipo di interventi da effettuare, si è ancora ben lontani dal gestire queste problematiche secondo le impostazioni più recenti dell’Integrated Pest Management.

PROFESSIONALITÀ NEGLI INTERVENTI

 

Trappole topi Paste Fresche India

C’è ancora da superare, per quanto riguarda gli operatori professionali, la convinzione che sia efficace creare una barriera di erogatori di esche posizionandone un certo numero, ogni determinato numero di metri, senza dedicare impegno a conoscere dove il topo (o il ratto) preferisca nascondersi (e sono il più delle volte luoghi poco agevoli).

Se ormai, per motivi di sicurezza, si possono considerare abbandonate le esche a spaglio e si rivolge l’attenzione alle esche in contenitori di sicurezza, nella loro collocazione si può operare la scelta di posizionarne poche ed effettuare un controllo più ravvicinato, oppure situarne un numero maggiore e controllare con tempi più lunghi.

Ora, se si può considerare migliore il primo metodo, si deve anche tenere conto che ciò richiede un’accurata ispezione del luogo da difendere dall’infestazione, sia delle aree esterne sia di quelle interne, dal tetto alle zone interrate: e questo dovrebbe essere fatto prima di presentare un preventivo al potenziale cliente.

Vedi anche  LOTTA ADULTICIDA

Nella realtà, quale tecnico può e vuole impiegare un tempo (che risulta gratuito) per elaborare un preventivo su un’ispezione così accurata di questo tipo? Nella pratica, quindi, ci si trova poi, sul posto, a elaborare un equilibrio tra un preventivo e le esigenze di disinfestazione.

E se la pratica aiuta sicuramente nel posizionare le esche nei luoghi frequentati da topi e ratti, bisogna sottolineare che non è il numero delle postazioni che fa diminuire il numero dei ratti, ma la frequenza con cui le postazioni vengono seguite e ricaricate di esche.

Trappole topi Trappola Cattura Multipla

Ciò vuole dire attuare un accurato controllo: registrare le condizioni dell’esca (se è consumata e quanto) e rielaborare i dati. Infatti, variando le situazioni ambientali, varia la dislocazione dei ratti sul territorio, e non esiste il prodotto miracoloso o la protezione migliore, ma conta la professionalità di chi sceglie una linea e la segue nel tempo, metodicamente.

Se la sicurezza è il primo parametro da tenere presente ci sono ancora tante falsità da sfatare, tante informazioni da diffondere ed è sempre necessario tenere in considerazione la tipologia di applicazione del prodotto.

Contenuta in dispositivi di sicurezza, a cattura singola o multipla, l’esca è efficace se risulta appetibile, perciò le aziende si sono dedicate con sempre maggiore impegno a ricercare i fattori in grado di convincere topi e ratti a preferire i loro formulati. Si sono effettuati studi su diete bilanciate e preferenze dei roditori, soprattutto nella scelta delle sostanze proteiche.

II mercato è orientato verso le paste fresche e i paraffinati, e se quest’ultimi risultano più pratici, il richiamo della pasta fresca risulta maggiore. Ma attenzione: l’esca deve presentarsi in ottime condizioni, non deteriorata, deve insomma garantire sempre un’appetibilità per il roditore.

Vedi anche  Disinfestazione cimici dei letti

Il paraffinato è più pratico, più facile da gestire, e molte aziende si stanno dedicando a esaltare queste caratteristiche.

Se il formulato in pasta resta il più diffuso, notiamo anche una forte crescita dei paraffinati: ciò che si vuole è coniugare la praticità del blocco con l’appetibilità della pasta – informa Nicola Lora di Vebi – e stiamo appunto lanciando ora un prodotto, Block 140, che riesce a conservare a lungo appetibilità ed efficacia, anche in ambienti umidi”.

Due sono le linee di esche presentate da India: Gold, che comprende esche rodenticide tradizionali in confezioni scelte per il vantaggioso rapporto qualità/prezzo, e Platinum, che si caratterizza per l’inserimento del Denatonium benzoato, per ridurre i rischi di ingestione accidentale. Le trappole con le esche poi possono essere a cattura multipla, come i modelli Solid e Clear di OSD Ecotech, in lamiera zincata, che consentono la cattura fino a 30 roditori.

Si basa invece sull’emissione di vibrazioni a media frequenza il sistema elettronico che Multitecno propone, composto da una centrale di controllo e comando e da una serie di trasduttori che diffondono, in senso radiale e assiale uno spettro di vibrazioni a frequenza controllata.

È essenziale conoscere in maniera approfondita il prodotto che si va a usare, è importante creare le premesse per una crescita culturale del settore.

Se si mette l’accento talvolta sulla scarsa professionalità del disinfestatore, che opera ancora con criteri sorpassati, basandosi soprattutto sulla propria esperienza, sottovalutando un approccio metodologicamente più corretto, è anche vero che in genere si trova davanti a un cliente scarsamente preparato, che non vuole investire più dello stretto necessario: così l’operatore troppo spesso si trova di fronte a un problema quando è ormai conclamato, e non gli resta che cercare di risolverlo nel migliore modo possibile.

Vedi anche  Città e topi

In conclusione, sembra sempre di ritornare da dove abbiamo cominciato: per prevenire bisogna conoscere, per conoscere bisogna comunicare, informarsi e scambiarsi le informazioni: e se la legge costringerà a scelte impegnative, tanto più sarà necessario sapere che cosa si fa e come lo si fa, perché tutto il settore cresca.