Conigli

Il proprio giardino sembrava bello, quando ci si è ritirati in serata, ma per il momento in cui ci si è risvegliati, delle file di germinelli di verdure sono stati rasi al suolo. Dei piccoli buchi scavati sotto il recinto e delle impronte indicano il punto di un attacco di conigli. Quegli astuti piccoli conigli possono in sostanza mangiare la quantità di cibo quanto il proprio peso nel proprio giardino prodotto in una notte.

TENERE LONTANI QUEI CONIGLIETTI

Delle gabbie sistemate intorno a germinelli giovani sono state usate per molto tempo per dissuadere dei conigli affamati, e sono ancora un metodo eccellente di esclusione. Cartoni vecchi di latte, cestini di fragole, e fildiferro usati insieme fanno delle buone gabbie. Nelle aree dove è presente una pesante infestazione di conigli, le gabbie potrebbero avere bisogno di essere più forti e coprire completamente le piante desiderate. Controllare le gabbie in modo da essere sicuri che siano perfettamente ancorate di modo che i coniglietti non possano andare sotto la gabbia e sconfiggere il proprio sforzo.

Usare il naso sensibile del coniglio contro di lui e convincerlo che un predatore è vicino sistemando dei peli oppure escrementi di cane intorno alle piante nel proprio giardino oppure lungo la recinzione. Si può anche fare un repellente spray contro i conigli. Anche se non tiene lontani i coniglietti, sarà anche un buon fertilizzante per le piante.

Un prodotto chiamato Plant Protect Sticks, disponibile nei vivai, dichiara di respingere i coniglietti (ed anche i daini) con un odore di aglio. I bastoncini assomigliano a piccole penne che forano le parti finali delle piante. Quando la guarnizione è rotta emette il profumo sgradevole.

Un’altra tattica contro i conigli è quella di spruzzare del cibo insanguinato (disponibile nei posti che vendono fertilizzanti organici) intorno al proprio orto. L’odore di sangue respingerà i coniglietti. Oltre che per scacciare i conigli dal proprio orto, il cibo insanguinato è un ottimo fertilizzante per le piante e può essere spruzzato a molte piante. Ad ogni modo, assicurarsi di annaffiare immediatamente dopo l’applicazione del cibo insanguinato o può bruciare il prato o le piante.

Parecchi trattamenti comuni per respingere i conigli richiedono una pulizia delle piante dopo avere assunto il sapore cattivo. Spruzzare le piante con della polvere di peperoncino piccante, zolfo, oppure limetta che sono conosciuti per lasciare un sapore amaro nelle bocche dei conigli. Controllare che le piante non brucino, in particolar modo se si usa lo zolfo. Le seguenti sono altre soluzioni che possono svolgere lo stesso scopo. Mischiare bene gli ingredienti e spruzzare direttamente sulle foglie delle piante, come al solito controllare che non brucino.

  • 1 cucchiaino da tè di Lysol in 1 gallone di acqua
  • 3 once di sali Epsom in 1 gallone di acqua
  • 1 oncia di Black Leaf 40 in 1 gallone di acqua

Intrappolare fuori i conigli è abbastanza facile con una trappola vivente Havaheart. Sistemare la trappola vicino al proprio giardino, oppure, se si conosce il sistema con cui i conigli entrano, vicino al buco di entrata che conduce all’orto. Munire di esca con la loro pianta da giardino preferita, alfalfa, o frutta.

LA VITA DI PETER COTTONTAIL

I conigli sono delle creature timide generalmente di colore grigio o marrone. Solitamente vengono fuori nella tarda serata o in prima mattinata per andare ala ricerca di cibo ma alcune delle quindici specie comuni di conigli e lepri in America sono attive durante il giorno. Preferiscono le piante giovani oppure le tenere terminazioni dei cespugli ed arbusti.

I conigli non sono roditori, come credono diverse persone, ma appartengono all’ordine delleLagomorpha. Allo stesso modo dei roditori, i conigli hanno due grandi incisivi davanti, ma a differenza dei roditori, hanno anche un paio d’incisivi più piccoli direttamente dietro il primo paio davanti.

Il numero completo di conigli è il problema più grande per molti giardinieri. I conigli invece si riproducono in maniera prolifica, con delle cucciolate di conigli che si aggirano dai quattro agli otto piccoli. Un coniglio femmina può facilmente avere sei cucciolate nel corso di un anno. L’alto tasso di riproduzione è necessario in quanto i conigli sono la più grande specie di predatori e s stima che solo l’uno per cento di conigli in cattività sopravvive tre anni.