Bambu

BambùGli steli ondeggianti e le lunghe e belle foglie di questo bambù regalano al giardino un suggestivo "effetto giungla".

Un bambù sempreverde come Pleioblastus auricomus dona vivacità e movimento a ogni giardino. Se viene coltivato in condizioni caldo-umide, il bambù in genere diventa molto più folto rispetto alle altre graminacee, al punto che alcune varietà sono addirittura infestanti. Occorre quindi scegliere con attenzione per non correre il rischio di essere letteralmente sommersi da una giungla di canne (steli) che, nelle varietà più grandi, possono superare di gran lunga i 2 m di altezza!

Le specie del genere Pleloblastus illustrate sono tutte piuttosto piccole e si possono anche coltivare in vaso o mettere a dimora avendo cura di contenere lo sviluppo delle radici con una barriera, perché non superino lo spazio consentito. Attenzione: i botanici hanno cambiato spesso il nome scientifico di questo genere, proposto nei Garden Center come Pteioblastus e con il vecchio nome, Ayundinaria.

POSIZIONE

BambùDeve essere riparata dai venti freddi e disseccanti. I bambù variegati producono i colori più belli se esposti in pieno sole. È essenziale un terreno umido, che in estate non si asciughi mai, ancor meglio se in prossimità di uno stagno o di un ruscello.

PIANTAGIONE

Potete piantare a metà primavera o inizio autunno, quando il terreno è tiepido e umido. Controllate che il bambù sia innaffiato, scavate un’ampia buca e versate sul fondo letame o composta matura; potete foderare lo scavo con un foglio di plastica pesante per contenere lo sviluppo delle radici. Calate il bambù nella buca, riempitela di terra aggiungendo una manciata di farina d’ossa. Innaffiate e pacciamate con altra composta.

CONCIMAZIONE

In primavera nutrite regolarmente con un concime completo e aggiungete una pacciamatura organica di composta o letame.

IL PRIMO ANNO

BambùTenete sempre ben bagnato il terreno dove il bambù sta emettendo nuove radici.

ASSOCIAZIONI CONSIGLIATE

Graminacee alte come l’erba delle Pampas (Cortaderia selloana) e Miscanthus stanno bene piantate dietro i bambù nani. Per un bell’effetto di fogliame contrastante scegliete astilbe e felci che, come i bambù, amano i terreni fertili e umidi.

CONSIGLI

Se volete coltivare il bambù in penombra, è meglio scegliere una varietà a foglie interamente verdi, che ha bisogno di meno luce rispetto a quelle con foglie variegate.

Per creare velocemente un angolo di atmosfera subtropicale in un cortile o su un terrazzo tiepido, provate a piantare un bambù nano in un bel contenitore accostandolo a vasi di Phormium e Fatsia japonica La forma e la tessitura 6 fogie così diverse trasformano subito un ambiente anonimo in una piccola giungla fresca e ombrosa.