Cordiline

CordilineOriginaria della Nuova Zelanda, Cordyline australis si dimostra un’ottima pianta architettomca che nei giardini di stile moderno riesce a creare un vistoso punto focale sia in aiuola sia in vaso; la sua spiccata personalità rende però problematico l’abbinamento con altre piante che in genere, al suo cospetto, fanno ben poca figura. Nonostante il loro aspetto esotico, le cordiline non sono difficili da coltivare; tutte apprezzano sia il pieno sole sia la mezz’ombra, tuttavia le varietà a foglie colorate mantengono meglio le loro belle tinte se crescono in leggera ombra.

Nei giardini in clima mite o ben riparati dal gelo è possibile lasciare queste piante all’aperto tutto l’anno; se invece vivete in una zona dove gli inverni sono rigidi, è meglio coltivarle in contenitori che durante la stagione invernale possano essere spostati al riparo sotto un portico o in una veranda non riscaldata.

POSIZIONE

Che coltiviate la cordiline in terra o in vaso, è necessario metterla in posizione aperta e luminosa, ma protetta dal sole rovente di mezzogiorno, che può far sbiadire le foglie.

PIANTAGIONE

CordilineIn vaso, disponete sul fondo i cocci di drenaggio e usate un terriccio specifico a base di terra grassa, mescolato a sabbia grossolana. Nelle aiuole, scavate una buca più ampia della zolla e mescolate alla terra di scavo terriccio di foglie, ghiaino orticolo o sabbia grossolana.

CONCIMAZIONE

In primavera somministrate un concime a lenta cessione e, durante l’estate, un concime fogliare per due o tre volte.

IL PRIMO ANNO

Tenete le nuove piante bene innaffiate. Nei periodi più caldi spruzzatele d’acqua con il nebulizzatore. Prima che arrivino le gelate, spostate i vasi di cordiline al riparo.

ASSOCIAZIONI CONSIGLIATE

CordilineLe cordiline sono di per sé splendide in un capiente vaso di terracotta o in qualsiasi altro contenitore che metta in risalto la particolare forma e i colori delle foglie. In un’aiuola in cui si vogliano evocare atmosfere da giungla, le foglie colorate della varietà Albertii si abbinano bene al fogliame frastagliato di Fatsia japonica e a quello di palme come Trachycarpus fortunei. Per ottenere risultati di particolare effetto, accostate le sue foglie spadiformi alla soffice chioma slanciata di Stipa gigantea.

CONSIGLI

Benché i testi di giardinaggio dicano che le cordiline raggiungono 12 m di altezza, non scartate la possibilità di coltivarle nel timore di non avere abbastanza spazio: uno sviluppo simile di queste piante si verifica solo nel loro ambiente naturale. In giardino raggiungono al massimo 2-5 m di altezza, specie se sono coltivate in vaso.

Cercate di collocare le cordiline in un punto che in estate sia schermato dal sole di mezzogiorno: la luce eccessiva può infatti causare la scoloritura delle foglie.