Mosche

La mosca, è l’insetto più difficile se non addirittura impossibile da eliminare per la velocità che hanno le larve di raggiungere la fase adulta, e solo dieci giorni circa per essere a loro volta in grado di riprodursi, inoltre, le mosche non hanno alcuna difficoltà a deporre le uova in qualsiasi sostanza organica e in decomposizione, e una coppia di mosche nell’arco della stagione tra maggio e settembre se in condizioni ottimali può produrre fino a quattromila trilioni di mosche, ogni gruppo di uova che depone una mosca e di 125-150 uova.

Per questa ragione non esiste luogo in cui vive l’uomo dove non vi sia presente la mosca, e non esiste sostanza o essere vivente, animale o vegetale che sia, che non entri in contatto con questo insetto.

Inoltre delle  mosche ne esistono specie diverse per dimensioni forme e abitudini; ci sono mosche che si cibano di cadaveri di animali, quelle che si nutrono di rifiuti che si posano su escrementi e sostanze organiche in decomposizione, mosche che succhiano il sangue, parassiti di animali, uccelli e piante e altri insetti, infine esistono mosche che svolgono anche un importante lavoro di impollinazione delle piante.

Proprio per il continuo movimento rapido e instancabile in cerca di cibo e siti ove depositare le uova, la mosca è uno degli insetti più contaminanti di alimenti e pericolosi per diffusione di malattie epidemiche come colera, peste, lebbra, tifo ecc.

Le mosche, come le zanzare e i tafani, appartengono alla categoria dei DITTERI , ne esistono circa 100.000 specie e sono suddivise in famiglie e quelle più comuni che si muovono intorno a noi sono:

  • Mosca domestica: Muscidae
  • Mosca nera: Simulidae
  • Mosca della carne: Sarcopagidae
  • Moscone della carne: Calliphoridae
  • Mosca cavallina: Tabanidae
  • Mosca del formaggio: Piophilidae
  • Moscerino dell’aceto: Drosophiliadae
  • Falena: Psychodidae

Mosca domestica

La mosca più comune,  di colore grigio con bande scure distinte sul torace; ha un apparato boccale succhiante e lambente in grado di nutrirsi di qualsiasi tipo di cibo, sia solido che liquido; Le mosche adulte sono attratte nelle nostre case dalla presenza dell’uomo e di animali domestici; le discariche, il letame, cibo di animali, frutta e verdura costituiscono le loro sorgenti larvali e luogo di incontro per mosche adulte.

Fra le specie più prolifere, la femmina della mosca comune depone ogni 3-4 giorni gruppi da 75-150 uova.

La mosca comune non costituisce un pericolo diretto per l’uomo ma può comunque essere veicolo di infezioni, virus, batteri; pertanto conoscere il ciclo biologico di questo insetto fastidioso ci può aiutare ad eliminare dalle nostre case e dintorni, ogni possibile substrato che possa costituire una sorgente larvale, soprattutto nei periodi più caldi.

Generalmente la mosca comune entra nelle nostre case nelle ore più fresche della giornata, ma nelle ore calde vive all’esterno.

La Fannia canicularis è della stessa famiglia della mosca comune e molto simile, ma la sua comparsa nell’ambiente avviene all’inizio della stagione primaverile , è più snella e piccola della mosca comune, non si posa sulla nostra tavola ma vola senza posa a zig-zag e a cerchi.

Questa specie a differenza della mosca comune depone le uova sugli escrementi di animali e vegetali in decomposizione.

La Stomoxis calcitrans è simile alla mosca comune ma con l’addome più largo con macchie rotondeggianti e sul torace una zona più chiara, si trova prevalentemente in zone rurali.

Mosca e moscone della carne

La mosca e il moscone della carne, di dimensione più grande, hanno un apparato succhiante e lambente e un olfatto molto sviluppato e tanto sensibile all’odore della carne da sentirlo a centinaia di metri di distanza. Gli adulti delle mosche e mosconi della carne hanno come luogo di incontro le nostre case ma anche e soprattutto le macellerie,  mattatoi, pescherie, discariche e carogne di animali.

La Sarcophaga carnaria  lunga 10-14mm è il moscone di colore grigio con bande più scure longitudinali sul protorace, la femmina non depone uova, esse si schiudono prima di essere deposte pertanto depone direttamente su sostanze proteiche e alimenti gruppi di 30-60 larve infestandole e rendendole pericolose se ingerite.

Queste stesse larve sono anche usate dai pescatori come esche dette anche “bigattini”.

La Calliphora spp. lungo 10-12mm è il moscone di colore blu metallico dal volo veloce e rumoroso.

La Lucilia spp. lunga 10mm e di colore verde dorato

Mosca cavallina

Questa mosca col torace di colore grigio opaco e una macchia più chiara vicino alla testa e un addome tozzo, ha un apparato boccale succhiante e pungente.

La femmina di questa mosca depone nell’arco di due settimane 300-400 uova su letame avicolo,letame mischiato a paglia, cibo di animali e sui prati tagliati.

Le mosche adulte di questa specie si incontrano generalmente nelle case rurali nelle campagne, nelle stalle, nei canili.

Mosche dannose per l’agricoltura

Queste tre mosche sono molto simili alla mosca domestica ma di dimensioni più piccole, circa 1/3 della mosca domestica ma  provocano gravi danni all’agricoltura se non vengono prese misure preventive di controllo e disinfestazione.

Attaccano principalmente la frutta fresca servendosi di un ovopositore posto nell’addome con il quale inseriscono nella buccia del frutto l’uovo dal quale uscirà il verme o larva che invadendo la polpa farà poi marcire e cadere a terra il frutto.

MOSCA DELLA FRUTTA 

E’ la più dannosa mosca in assoluto in quanto attacca tutti i tipi di pianta da frutto: pesco,melo, pero,albicocco, fico mandarino ,arancio ecc.

Un altro aspetto che rende questa mosca dannosa più delle altre due è la possibilità di compiere 6-7 generazioni durante i mesi di maturazione della frutta da giugno a ottobre, rendendo così indispensabili continui trattamenti delle piante con sostanze insetticide.

MOSCA DELLE CILIEGIE e MOSCA DELLE OLIVE

Sono così chiamate proprio perché attaccano solo la frutta di queste due piante.

Contattateci senza impegno per una CONSULENZA e/o preventivo GRATUITO.