Gli insetti non sono gli unici intrusi che prendono dimora nelle case: topi e ratti costituiscono a loro volta una minaccia, specialmente nelle case che offrono molti spazi sotto il pavimento.

Qui vivono e si moltiplicano indisturbati trovando cibo in abbondanza e invadendo gli spazi abitati. I topi sono una seccatura, ma i ratti possono essere un reale pericolo per la salute e devono essere eliminati.

Anche i pipistrelli , nidificano nelle case, abitualmente nei sottotetti. Sono del tutto innocui, anzi, nutrendosi di insetti nocivi, si rivelano molto utili. Tuttavia sono sempre più rari nelle campagne.

Topi

I topi sono attirati dagli avanzi di cibo caduti: la prevenzione migliore consiste nel tenere ben puliti i pavimenti. I topi però si muovono rapidamente da una casa all’altra attraverso i tetti, le intercapedini delle pareti e dei solai, per questo a volte è difficile eliminarli completamente.

Per controllarli si distribuiscono per la casa esche avvelenate avvolte in fogli di carta o di cartoncino, così da poter rimuovere semplicemente quelle non toccate. Bambini e animali domestici devono essere tenuti lontani dalle esche. Se dopo tre mesi sono ancora visibili segni della presenza di topi, si deve ricorrere alle trappole. Con quelle a gabbietta si catturano i topi vivi, che si liberano poi lontano dalla casa; con quelle a molla invece, i topi vengono uccisi.

Generalmente le trappole alle quali si ricorre sono decisamente poche. In linea di principio si posano ogni 2 m lungo i percorsi abituali. La posizione migliore è contro lo zoccolino battiscopa, di fronte alle pareti. Le trappole s’innescano con farina, pezzetti di formaggio o cioccolato fissati al gancio dell’esca. I topi morti si eliminano seppellendoli, bruciandoli o gettandoli nello scarico del wc.

Ratti

Nelle condizioni abitative medie è difficile vi siano infestazioni gravi di ratti, che possono però costituire un vero problema nelle zone rurali e vicino a corsi d’acqua e magazzini portuali. Si uccidono con veleni anticoagulanti; dato che questi prodotti sono pericolosi per la salute si consulti sempre l’Ufficio d’Igiene.

Pipistrelli

I pipistrelli preferiscono dimorare nelle strutture disabitate (edifici agricoli, caverne, gallerie ecc.) ma occasionalmente possono insediarsi anche in edifici abitati. Non sono assolutamente pericolosi: non mangiano legno né pitture e i loro escrementi sono scheletri asciutti di insetti. In realtà i pipistrelli sono preziosi nei sottotetti in quanto si nutrono degli insetti xilofagi.

I pipistrelli sono diventati molto rari, alcune specie sono addirittura protette. Oltre che illegale è stupido ucciderli o ferirli, distruggerne i nidi e bloccarne le vie d’accesso.

Prima di irrorare il legname dei sottotetti abitati da pipistrelli, con preservanti che potrebbero essere loro nocivi, si consulti una delle tante associazioni protezionistiche. Quando entrano in locali abitati, si cerchi di non perdere la calma. I pipistrelli evitano le persone, se possibile, e comunque non restano impigliati tra i capelli come suggeriscono i racconti delle nonne.

Basta aprire le porte e le finestre e lasciare uscire l’animale. Se si trascinano, si prendono con molta cura nelle mani guantate e si depositano all’esterno.

PRECAUZIONI NELL’USO DEI VELENI

I veleni prodotti per eliminare i roditori sono mortali anche per l’uomo: è quindi molto importante seguire alla lettera le istruzioni allegate alle confezioni. Si devono tenere fuori portata dei bambini e dove gli animali domestici e selvatici non possano raggiungerli. Mai conservarli sotto i lavelli della cucina dove possono essere scambiati per prodotti di uso domestico e dove possono contaminare gli alimenti.

Nel caso di assunzione accidentale da parte di animali o esseri umani, si porta con sé la confezione così da permettere la rapida identificazione del veleno da parte del veterinario o del medico. Veleni e sostanze chimiche si maneggiano sempre con le mani protette dai guanti.