I COLIBRÌ

Molto tempo prima che la comune ape fosse importata in questo paese dall’Europa, i colibrì erano dei grossi lavoratori nel campo dell’impollinazione dei fiori qui. Queste piccole trottole dovrebbero fare visita ad approssimativamente 1022 fiori per fornire dalle 6600 alle 12400 calorie di cui hanno bisogno ogni giorno per sopravvivere. Ciascun colibrì consumerà più della metà del proprio peso in cibo ogni giorno, ed una grossa parte di ciò saranno insetti. Gli insetti forniscono proteine, minerali, vitamine, e grassi, i quali sono sostanze nutritive essenziali per gli uccelli.

La vita simile a quella di un colibrì

I colibrì, quei piccoli gioielli alla sorgente, sono alcuni degli uccelli più intriganti al mondo. Essi detengono molti primati del mondo degli uccelli, che comprendono:

  • L’uccello più piccolo al mondo. La mellisuga pesa soltanto 2.5 grammi!
  • Sono gli unici uccelli le cui ali battono disegnando la figura di un otto, permettendo loro di volare avanti e indietro rapidamente. Le specie più piccole (sono un totale di 342 specie in tutto il mondo) ed in media hanno otto battiti d’ali al secondo ed oltre i 20 al secondo durante le fasi del corteggiamento.
  • Durante la notte, i colibrì cadono in una forma di letargo chiamato torpore. I colibrì del Cile una volta erano chiamati “uccelli della risurrezione” perché sembrava che si sollevassero dalla morte ogni mattina.
  • Normalmente hanno la temperatura corporea più alta in confronto agli altri uccelli, la quale arrivava fino ad oltre 106 gradi Fahreneit.
  • Hanno i cuori più grandi rispetto alla dimensione del loro corpo in confronto a tutti gli animali a sangue caldo. Il ritmo del loro cuore può raggiungere 1260 battiti al minuto.

INVITARE I COLIBRÌ NEL PROPRIO GIARDINO

Quelle persone che hanno i colibrì che saltellano nei pressi del proprio giardino già conoscono la gioia di guardarli, mentre si nutrono sopra un fiore, oppure vederli che si atteggiano come “grossi” bulli nei confronti di altri colibrì che vorrebbero dividere il loro territorio. Ciò rende il proprio recinto un posto attraente da visitare per i colibrì ed è semplice e gratificante.

Arbusti di piante in fiore, e piante rampicanti che i colibrì amano. Nella parte occidentale degli Stati Uniti ci sono circa 130 tipi di piante che manifestano qualche adattamento alla presenza dei colibrì. Il caprifoglio è un ottimo esempio.

Sostenere il sistema di alimentazione del colibrì. I custodi del colibrì del San Diego Zoo raccomandano di saltare le soluzioni commerciali di zucchero e riempire il proprio sistema di alimentazione con questa semplice, ed economica ricetta. I custodi dello zoo avvertono di evitare di mettere del cibo rosso colorante dentro l’acqua. Non si sa quanto il colorante influenza gli uccelli, così è meglio lasciare stare. Al contrario, comprarlo un sistema di alimentazione con una punta rossa o uno con un disegno di fiori rossi sulla bottiglia (si possono anche pitturare i fiori da soli). Mettere dentro solo la quantità di acqua e zucchero che i colibrì consumeranno in due fino a quattro giorni per prevenire che la muffa cresca nel proprio alimentatore ed evitare che la soluzione diventi rancida. Se la muffa cresce, usare il dentifricio sopra una spazzola per bottiglie per pulire l’interno della bottiglia, oppure nei punti difficili da raggiungere. Anche un cucchiaio di riso agitato dentro aiuterà a rimuovere la muffa.

LE FORMICHE STANNO ATTACCANDO IL PROPRIO SISTEMA DI ALIMENTAZIONE

Adesso che i colibrì vengono nel proprio giardino, probabilmente si scopre che delle formiche si stanno affollando verso la soluzione dolce, anche. Di seguito sono elencati dei modi semplici ed efficaci per controllare le formiche.

  • Fare un fossato sopra il filo sospeso del sistema di alimentazione. Fare un buco sul coperchio del barattolo oppure sul tappo della bottiglia e metterlo sul filo a circa la metà. Usare un po’ di colla al silicone sotto il tappo per tenerlo fermo e renderlo impermeabile. Basta solo riempire il tappo con dell’acqua (o anche della gomma al mentolo) e si ha una barriera per il proprio sistema di alimentazione.
  • Un filo appiccicoso è un’altra soluzione. Fissare un pezzo di corda forte al filo sospeso del sistema di alimentazione, in questo modo quando il sistema è sospeso penzolerà per altri quattro o cinque pollici. Dopo avere appeso il sistema, spalmare il Tanglefoot (che si può comprare in qualsiasi vivaio) sul filo. È parecchio appiccicoso, così stare molto attenti.
  • Una soluzione di peperoncino piccante, come il pepe piccante o pepe di Caienna, può anche essere applicata al filo sospeso per aiutarci a tenere lontane le formiche.
  • Olio di eucalipto applicato al filo sospeso è anche un modo eccellente per respingere le formiche. Se non lo si trova, usare invece la gomma mentolata.