Le formiche formano vere e proprie società o colonie. Conoscere come avviene la formazione e lo sviluppo di queste  colonie ci permette di capire il metodo di intervento più idoneo per la disinfestazione di case, strutture, giardini, ecc.  Ogni gruppo, formato da individui simili per forma ed età, svolge propria attività nella società delle formiche, questa divisione di mansioni viene definita CASTA.

Le caste sono 3:

  • Formiche regine
  • Formiche maschi
  • Formiche operaie

La formica regina è fertile e depone le uova e inizialmente è alata

La formica maschio fertile, alato, muore dopo l’accoppiamento.

La formica operaia è sterile, è femmina ha primariamente il compito di estendere il nido scavando nuove gallerie, e in numero inferiore per la ricerca di cibo.

Fanno sempre parte delle formiche operaie il gruppo delle formiche soldato per la forma più sviluppata della testa e delle mandibole.

I “voli nuziali” sono veri e propri sciami di formiche alate che volano verso luoghi di raduno, in genere cespugli, da qui poi si spostano a sciami in aria o verso il terreno dove avviene la fecondazione delle formiche regine. Questi voli nuziali sono spesso favoriti da eventi climatici.

A seconda della specie a cui appartengono le formiche regine fecondate possono o rimanere nello stesso nido di origine, o volano alla ricerca di un nuovo nido generalmente nel terreno o nel legno, dove inizieranno a scavare la camera dove deporranno le prime uova,le quali serviranno in parte, da nutrimento per le prime larve ma anche per la formica regina la quale si nutre pure dei muscoli alari precedentemente staccatisi e in fase di riassorbimento, o dalle sue stesse riserve lipidiche.

Per lo sviluppo di nuove formiche regine e formiche maschio sono necessari almeno 2 anni dalla formazione della nuova colonia e varia da specie a specie ma per alcune di queste, come per esempio la formica faraone o la formica argentina non abbandonano il nido per l’accoppiamento: le regine depongono le uova nello stesso e successivamente avviene una suddivisione della colonia, alcune regine o anche una sola si separano dal nido con una parte delle formiche operaie, effettuano una vera e propria migrazione con provviste di cibo alla ricerca di un sito dove costruiranno un nuovo nido.

Ai fini di una disinfestazione è importante riconoscere la specie e le sue abitudini comportamentali, di riproduzione e di alimentazione. Nel nostro paese ne esistono alcune varietà di formiche infestanti che, se non vengono fermate, possono provocare danni negli edifici e nelle nostre abitazioni.

FORMICA NERA (lasius niger)

Questa formica di colore castano scuro o nero, nidifica più frequentemente all’aperto, mentre all’interno di edifici cerca zone soleggiate, sotto pavimentazioni o mattonelle.

I nidi di questa formica sono riconoscibili per la formazione, intorno al foro d’apertura di piccole quantità di terra finissima.

Si cibano preferibilmente di sostanze zuccherine o ad alto contenuto proteico; per la ricerca del cibo seguono sempre percorsi definiti.

La formica regina, riconoscibile per la sua dimensione, 15mm, depone alla fine della stagione primaverile ma l’accoppiamento avviene generalmente tra la meta e la fine della stagione estiva e avviene in volo.

FORMICA DEL FUOCO (solenopsis)

Questa specie, riconoscibile per il colore rosso del corpo e della testa e più scuro l’addome, con antenne fornite di mazza che si vedono solo frontalmente.

Questa formica se infastidita diventa aggressiva e la sua  puntura provoca nelle 48 ore delle pustole, inoltre questa specie di formica è ritenuta tra le più dannose per l’agricoltura e tra le più infestanti delle zone abitate sia rurali che urbane, si ciba di carcasse di insetti, sostanze zuccherine tra cui la melata, sostanze ricche di  proteine e grassi.

Questa formica nidifica in genere in cumuli di terra tronchi o altro materiale che trova a terra.

Anche per questa specie l’accoppiamento avviene in volo fra la metà e la fine della stagione estiva, il maschio muore e la formica regina dopo aver trovato un luogo adatto per il nido, alla fine della stagione primaverile depone dalle 100 alle 125 uova, inizia il ciclo di formazione delle larve fino alla trasformazione delle prime operaie dopo di che la formica regina inizia di nuovo a deporre fino a 1500 uova al giorno.

FORMICA FARAONA (monomorium pharaonis)

Questa  specie di formica presenta  dimensioni e colore diversi per casta : la formica regina si presenta di colore rosso scuro e una lunghezza che varia dai 3,5 ai 6mm; la formica maschio è di colore nero, alata, con una lunghezza di 3mm, mentre le formiche operaie  sono di colore giallo-bruno con addome più scuro lunghe non più di 1,5-2mm.

La formica faraona costruisce il suo nido in cavità umide e riscaldate di edifici e le colonie con più regine, possono raggiungere le 300.000 unità, ogni regina può deporre nella sua esistenza fino a 3.500 uova.

La suddivisione  della colonia avviene solo se provocata da agenti esterni o trattamenti di insetticidi.

L’alimentazione e costituita da insetti morti, sangue, carne grassi ecc. e spesso le troviamo negli ospedali, le formiche operaie seguono percorsi definiti e in prossimità di impianti e tubature di riscaldamento.

A differenza delle altre specie di formiche la sciamatura avviene in qualsiasi periodo in quanto vivono in ambienti chiusi e riscaldati.

Le formiche adulte hanno ali ma raramente volano e si staccano una volta avvenuto l’accoppiamento.

FORMICA HYPOPONERA PUNCTATISSIMA

Specie poco conosciuta di colore bruno rossastro, con pungiglione.

Non si conosce molto del ciclo di produzione di questa formica, difficilmente si trovano all’aperto e nidificano sotto piastrelle rotte, nelle fessure dei tubi di scarico, dove ci sono macerie e posti umidi.

Questa specie di formica si ciba di prede vive quindi non si può localizzare facilmente il nido in quanto non seguono percorsi definiti.

Le formiche diventano particolarmente dannose e infestanti  per le nostre case, per le industrie dolciarie, alimentari e per allevamenti e giardini, nel periodo di cambio di stagione e quando sono alla ricerca di luoghi adatti per la costruzione del nido e durante la massima produzione di uova da parte delle formiche regine quando aumenta il fabbisogno di proteine.

Le formiche in genere sono onnivore ma particolarmente ghiotte di zuccheri e di sostanze zuccherine, sono dotate di un olfatto molto sviluppato, per tale motivo è importante, in questi periodi curare la pulizia degli ambienti come cucine e industrie non lasciando cibi  esposti.

Per debellare le formiche dagli ambienti case industrie ecc. è utile trovare il nido e eliminare la regina o usare sostanze molto odorose che le formiche non sopportano a motivo del loro olfatto molto sviluppato.

Contattateci senza impegno per una CONSULENZA e/o preventivo GRATUITO.