ALEUROIDIDE (MOSCA BIANCA)

E’ un tisanottero ma è più simile ad un lepidottero, più noto col nome “ mosca bianca” per le particelle di polvere bianca che lo ricoprono, si nutre, sia allo stadio di larva che da adulto, della linfa delle piante che succhia insidiandosi nella pagina posteriore delle foglie. I danni maggiori sono causati dall’abbondante sostanza zuccherina che emette, creando le condizioni migliori per la comparsa delle fumaggini. Gli effetti sulla pianta provocati dall’infestazione dell’auleroidide, sono ingiallimento e deperimento.

Le piante favorevoli all’attacco della mosca bianca, sono gli abutilon, coleus, fucsia gladiolo.

Gli strumenti di lotta: sono da evitare prodotti a base di esteri fosforici per la nocività nei confronti dell’uomo, sono invece efficaci le irrorazioni di solfato di nicotina.

Un nemico naturale della mosca bianca è l’Encarsia formosa, un piccolo imenottero ausiliario che deponendo le uova nel corpo dell’aleuroidide, lo elimina.

Un altro metodo per eliminare in modo naturale le mosche bianche è l’impiego di trappole di colore giallo appiccicose.

Vedi anche  INSETTI E CREATURE BENEFICHE