Animali di varia natura

GLI OPOSSUM

Questa è una delle creature più intelligenti che invaderanno il proprio locale alla ricerca di cibo ed un posto sicuro dove fare crescere la propria famiglia. Possono avere fino a 25 piccoli per ogni nidiata ma solo 7 oppure 8 sopravvivranno. L’opossum non è un buono scalatore e tende a cadere fuori degli alberi. Il loro cibo preferito è rappresentato dagli animali che muoiono investiti lungo la strada ed essi aspetteranno sul bordo di essa fino a quando un animale non viene colpito cosicché possono avere il loro pranzo.

Essi non sono schizzinosi in fatto di mangiare e si abbandoneranno anche all’interno del proprio cumulo di concime organico ed ogni tipo di verdure. Essi amano la frutta, quando è a portata di mano ed invaderanno una pattumiera se è lasciata dove possono raggiungerla. Quando si catturano gli opossum assicurarsi di indossare i guanti in quanto è notorio che sono portatori di rabbia.

Gli opossum si possono intrappolare facilmente, nonostante siano considerati abili. Nel momento in cui essi vedono del cibo e benché sia una trappola tendono ad entrare quasi dentro ogni trappola alla ricerca di cibo. Il trasferimento è possibile chiamando l’ufficio per il controllo degli animali della propria zona.

I CONIGLI

Conigli e lepri possono avere fino a 4-6 cucciolate l’anno. I conigli che vivono nel proprio ambiente naturale, arrivano fino a 1-3 anni e solitamente solo 3-4 anni in cattività. Adorano le verdure e preferiscono le carote, i piselli, la lattuga, i fagioli, le barbabietole ed i fiori ma adorano una grossa varietà di cibi. Se hanno dei problemi nella ricerca di cibo selvatico, visiteranno regolarmente il proprio giardino. Ci sono alcune colture che non piacciono ai conigli e da cui rimarranno lontani. Tra essi ci sono alcuni frutti appartenenti alla famiglia delle Cucurbitacee, i pomodori, il granturco, i cetrioli, i peperoni e le patate. Se questi sono infastiditi non lo saranno dai conigli.

Un recinto di filo d’acciaio zincato per i polli funziona abbastanza bene a patto che sia robusto e posizionato a circa 1 piede di profondità e 3 piedi fuori della terra. È meglio piegare ad angolo a 6 pollici all’esterno per dissuadere il coniglio dallo scavare sotto il recinto. Questo tipo di recinzione funziona altrettanto bene intorno alla base degli alberi, in quanto i conigli adorano masticarne la corteccia.

Un sistema molto efficace per tenere lontani i conigli dal proprio orto è quello di costruire una recinzione protettiva di forma cilindrica. Dovrebbe avere un’altezza di circa 3 piedi intorno a tutti gli alberi e piante ed usare un’armatura metallica da ¼ di pollice, dopodichè seppellire il fondo del recinto a 3 pollici di profondità. Assicurarsi che ci siano 1-2 piedi di distanza tra il recinto e le piante. Si può anche innalzare un recinto di filo d’acciaio zincato perché i conigli non sono dei buoni scalatori.

Una miscela di pepe nero con un tocco di pepe di caienna e della farina d’ossa, spruzzata intorno alle zone dovrebbe respingere i conigli. Questo sistema dovrebbe turbare qualsiasi animale domestico che si possiede, ed allo stesso modo funziona contro i conigli. Meglio applicare la miscela subito dopo il tramonto in quanto i conigli preferiscono il pasto serale.

Catturare i conigli è una cosa semplice; il problema è cosa fare con essi una volta catturati. È contro la legge liberarli in un posto dove diventeranno nocivi verso qualsiasi altra cosa, così bisogna trovare una buona idea. Essi tendono anche a farsi del male nel tentativo di fuggire, il che significa che adesso abbiamo a che fare con un animale ferito. Se si vive in campagna, si può provare a fare uno stufato di coniglio, tuttavia, il coniglio selvatico è un po’ duro da masticare.

Se si pianta una siepe d’assenzio intorno all’area da dove si vogliono tenere lontani i conigli dovrebbe funzionare bene. I conigli odiano l’assenzio e ne staranno ben lontani a tutti i costi. Un altro deterrente è quello di piantare semplicemente una fila di lattuga dove essi possono arrivare facilmente. Molti fattori pensano che questo sistema funziona molto bene. Essi potrebbero anche autorizzarti a prenderne un po’ qualche volta.

Se si sparge della segatura intorno alle piante, i conigli lasceranno queste ultime in pace. L’unico problema è rappresentato dal fatto che quando piove la segatura perderà la propria efficacia e se ne dovrà aggiungere dell’altra.

Se si acquista una piccola ed economica radio portatile e si mette nel giardino, coperta con una busta di plastica come protezione, si terranno lontane quasi tutte le creature. Gli animali che invadono il giardino hanno paura che ci siano degli uomini in giro.

I conigli sono spaventati a morte dai serpenti e rimarranno lontani, molto lontani dalla propria proprietà se vedono qualsiasi cosa che possa assomigliare ad un serpente. I serpenti di gomma sono facili da acquistare e sembrano essere un deterrente molto efficace.

I conigli amano rosicchiare gli alberelli teneri ed uno dei sistemi migliori per bloccarli è quello di coprire gli alberelli con un pezzo di tubo di plastica. Assicurarsi di lasciare abbastanza spazio affinché possa crescere. Esiste anche un discreto numero di prodotti in commercio che si possono usare per avvolgere gli alberelli. Molti negozi che vendono articoli per il giardinaggio hanno questi articoli.

Un metodo molto efficace per tenere lontani i conigli ed i topi dagli alberi giovani e dalla loro corteccia tenera è quello di spalmare del grasso di pancetta o del grasso di qualche altro animale sul tronco dell’albero per scoraggiarli.

Se si appendono delle strisce di alluminio sopra uno spago stretto a paletti di legno alti 3 piedi, queste creature si spaventeranno e scapperanno.

GLI ORSETTI LAVATORI

Questi predatori notturni attaccano durante la notte ed adorano i bidoni della spazzatura, sono capaci di saltare le trappole e prendere l’esca senza rimanere catturato all’interno. Essi non si preoccupano circa quello che mangiano, si nutrono d’insetti, lumache, vegetali, uova, topi e persino aragoste. Il loro cibo preferito è il mais a granelli zuccherini senza meloni accanto. Si possono trovare sotto le stie per i polli alla ricerca di bacherozzoli. Mangeranno i polli vivi mettendo da parte i loro corpi.

Gli orsetti lavatori propendono a cercare un pasto con il minor sforzo possibile piuttosto che dovere affaticarsi per ottenerne uno. Se si spruzza della limetta idrata intorno ai cassonetti per la spazzatura, si terranno lontani. Un po’ d’ammoniaca, Lysol™ oppure qualsiasi salsa piccante messa sopra i coperchi funziona bene allo stesso modo.

Se si appendono alcuni vecchi abiti puzzolenti sul proprio recinto oppure in un posto puntellato vicino al loro punto d’entrata, si respingeranno. Agli orsetti lavatori non piace l’odore degli uomini e lo eviteranno ad ogni costo.

Se si possiede una piantagione di granturco, gli orsetti lavatori riusciranno a trovarla. Uno dei metodi migliori per tenerli lontano dal proprio granturco è quello di spruzzare sopra dell’acqua e poi spolverarlo con del pepe di caienna. Sopra il granturco si può spruzzare anche una soluzione composta da mezza tazza di pepe di caienna, una pinta d’acqua ed un cucchiaio di Ivory Liquid Soap™. Fare risposare la miscela per tutta la notte prima di scolare e spruzzare.

Se si strofina la propria mano sopra ogni spiga di grano, si terranno distanti gli animali. Ad essi non piace l’odore dell’uomo. Se si possiede un appezzamento di granturco molto esteso, potrebbe non essere una cosa pratica a meno che non si abbia molto tempo e nient’altro da fare.

Agli orsetti lavatori piace alzare gli occhi da proprio pasto sporadicamente, ma in articolare se sentono qualche suono strano. Rimangono in piedi sopra le loro zampe posteriori per una rapida occhiata. Preferiscono non pranzare nelle aree dove non possono fare questo lavoro con facilità. Alcuni contadini pianteranno il persico sole tra il granturco. Il persico sole ha delle foglie larghe. Queste fanno in modo che l’orsetto lavatore non possa guardare in alto in modo da vedere se uno dei loro predatori si sta avvicinando e rimarranno fuori del campo di granturco.

Agli orsetti lavatori non piace avere dei cani intorno a sé. Se nelle proprie vicinanze è presente una toletta per cani, provare a richiedere la loro tosatura. Probabilmente saranno anche contenti se si offre loro qualche dollaro. Spargere i peli intorno alle aree dove è presente questo problema e non si rivedranno mai più né orsetti lavatori e neanche conigli.

Le trappole per catturare gli orsetti lavatori possono essere acquistate per corrispondenza oppure farsela prestare dal proprio vivaio di zona. Esistono due trappole molto note e sono la Havahart Trap™ e la Safe-N-Sound™. Fino a quando gli orsetti lavatori hanno la possibilità di apprezzare le cose dolci, la trappola migliore è quella formata da un pezzo di pane cosparso completamente con del miele. La malva canapina ed il burro d’arachidi sono altri due cibi che loro preferiscono.

Qualsiasi articolo che provoca dei rumori spaventerà per poi fare scappare gli orsetti lavatori. Un oggetto del genere può essere una radio portatile o qualsiasi elettrodomestico che produce dei rumori. Molti contadini sistemano una radiolina portatile nei propri campi con il volume al massimo. Nella speranza che la propria casa o quella dei vicini non si trovi troppo vicina al campo. L’unico prezzo da pagare è quello per le batterie.

Nel caso si abbia un grosso problema: basta sistemare una rete metallica intorno alle proprie piante. Questi animali non adorano camminare sopra una rete e non si avvicineranno alle piante.

LE MOFFETTE

Le moffette non provocano molti problemi secondo molti giardinieri, in quanto si nutrono prevalentemente di piccoli insetti e piccoli animali nocivi che fanno parte per il 50% della loro dieta. Ad ogni modo, essi mangeranno la parte bassa del granturco. Le moffette adorano i bacherozzoli e andranno alla loro ricerca scavando nel proprio prato e giardino facendoli diventare degli animali nocivi. Mangeranno il cibo del proprio animale domestico se è lasciato incustodito, e questa non è un’idea malvagia se si vuole che abbandonino il proprio giardino.

Quello di intrappolare questi animali è un lavoro che è meglio lasciare a personale esperto in quanto alcuni sono portatori di rabbia. Possono essere intrappolati; sistemando la trappola dentro una grossa busta di plastica, lasciandola aperta e munendo la trappola con un’esca fatta di cibo secco per gatti. Le moffette solitamente si trovano in coppia e se una è intrappolata l’altra andrà sicuramente in giro alla ricerca del suo compagno.

Se si prendono alcuni vecchi abiti che sono stati indossati da noi e non sono stati lavati, versare sopra di essi dell’ammoniaca che si usa per la casa e poi lasciarli fuori dove ci si aspetta che entrino le moffette, oppure intorno al proprio giardino ed in questo modo si respingeranno e non ritorneranno mai più. Le moffette si ricorderanno dell’odore di ammoniaca e raramente ritorneranno nel posto dove ne hanno sentito l’odore.

Dovrebbero essere maleodoranti, quando sono trattati, ma questi animali sono uno dei migliori amici dei giardinieri. Fiduciosamente non diventeranno degli ospiti abituali sotto la propria casa o all’interno di una baracca. Essi sono dei grandi cacciatori di roditori e possono vivere nutrendosi di una grossa varietà d’insetti come le cavallette, le larve dei coleotteri del genere Agriotes, le lasioderme, le dorifore, le larve ed i vermi scacciatori.

I SERPENTI

Esistono solo quattro serpenti velenosi negli Stati Uniti. Ci sono i serpenti a sonagli, la testa di rame, il serpente corallo ed il mocassino acquatico. I serpenti sono i migliori controllori dei roditori e dovrebbero essere tollerati a meno che non sia presente quello velenoso all’interna della propria proprietà. I serpenti toro, i serpenti reali, i serpenti boa, qualsiasi serpente che caccia i ratti, aiuta a tenere bassa la popolazione del geomide e della talpa, cosa che risulta essere molto benefica. I serpenti con la giarrettiera amano le lumache e le chiocciole mentre i serpenti reali uccideranno i serpenti velenosi allo stesso modo dei roditori.

I serpenti con la giarrettiera, quelli marrone e quelli verde si nutriranno di chiocciole, lumache e piccoli animali nocivi selvatici, ad ogni modo, di tanto in tanto ad essi piacciono i gustosi lombrichi, cosa non molto buona per il giardino.

Non esiste nessun repellente contro i serpenti che è stato provato e funziona per tenere lontani i serpenti dalla propria proprietà. Un discreto numero di prodotti commerciali a questo scopo sono stati provati con successo.

È meglio usare uno schermo zincato molto pesante di circa 36 pollici di larghezza ed usare una rete di ¼ di pollice. Si dovranno seppellire i bordi più bassi di 2-3 pollici nel terreno e poi inclinarla verso fuori, dal basso verso l’alto ad un angolo di 30 gradi. I paletti di supporto dovrebbero trovarsi all’interno del recinto ed i varchi dovrebbero essere molto stretti. Questo è un sistema che costa molto se si ha un recinto molto ampio. È meglio recintare all’interno l’area giochi per i bambini.