IL DAINO

Secondo la media, un daino consuma circa 5 libbre di vegetazione ogni giorno. La loro dieta consiste in fusti, foglie e germogli di piante legnose, ad ogni modo, la loro dieta potrà variare a seconda delle fonti di cibo disponibili. Sono creature abitudinarie e ritorneranno nelle vicinanze dello stesso posto ogni giorno. Ai daini piace in particolar modo mangiare le rose, ma si accontenteranno di granturco o grano e di solito non mangeranno l’erba.

Ci sono diversi metodi per tenere lontani i daini senza fare ad essi del male. È sempre meglio usare un metodo non tossico che non deve essere applicato dopo ogni pioggia. In ogni caso, se la pioggia è molto pesante sarà necessario applicare di nuovo un deterrente. Una volta che un deterrente contro i daini è usato, essi andranno in un’altra zona alla ricerca di cibo e non lo si deve spruzzare un’altra volta.

Delle piccole barrette di sapone usato possono essere appese sopra gli alberi ed i cespugli che mangiano i daini. L’odore umano sopra la barretta di sapone tende a tenerli distanti. Delle piccole borse di cibo al sangue appeso sopra gli alberi compierà la stessa funzione. Si possono anche usare dei fiocchi di sapone invece che barrette da sistemare all’interno di vecchie calze.

Questo è un sicuro deterrente al fuoco contro i daini se si vuole attraversare il problema. Per una piccola area funziona molto bene, ma è principalmente usato nei grossi vivai oppure dalle persone con delle aree veramente grandi vicine ai parchi nazionali. Mischiare insieme 3 cucchiai di erba marina con una tazza di emulsione all’odore di pesce e versare all’interno 3 cucchiaini di Ivory Liquid Soap™. Aggiungere abbastanza acqua in modo da spruzzarlo facilmente, dopodichè spruzzare direttamente sopra le piante e gli alberi.

Miscelare un grosso uovo all’interno di un quarto di tazza riempita con dell’acqua di rubinetto e miscelare bene. Mettere la miscela dentro una bottiglia spray e spruzzare sopra gli alberi e le piante. Questa è una buona soluzione per una piccola area e la miscela d’uovo è abbastanza appiccicosa da resistere ad una leggera pioggia senza che sia applicata di nuovo.

Per le aree estese mischiare una tazza di latte intero, 2 grosse uova, 2 cucchiai di olio per uso alimentare ricavato dalle piante oleifere della famiglia Brassica, 2 cucchiai di Ivory Liquid Soap™ all’interno di 2 galloni di acqua fredda. Questa miscela è molto efficace ed è usata normalmente dentro le bottiglie spray.

Offritevi di spazzare via i capelli nel proprio istituto di bellezza o barbiere di zona, conservare i capelli e spargerne una piccola quantità intorno alle aree dove si hanno dei problemi. L’odore umano terrà lontano il daino per un po’ di tempo o almeno finché non piove per 2 o 3 volte. Si possono anche mettere un po’ di capelli dentro dei vecchi calzini ed appenderli agli alberi. L’uso di calzettoni sporchi funzionerà molto bene e probabilmente si terranno distanti anche i vicini.

L’odore di uova marce è molto efficace contro parecchi animali, in particolar modo i daini. Quando le uova marciscono emanano idrogeno solforato e quello è un vero problema. I daini non si avvicineranno mai ad un’area che ha n odore così disgustoso. Questo non è un buon deterrente da usare vicino alla propria abitazione.

Se si cambia la coperta del proprio cane, non gettarla va se si ha un problema con i daini o altre piccole creature. Basta tagliare la coperta e lasciare i pezzi dovunque se abbiamo un problema con delle piccole creature.

Esistono numerose piante che, quando sono messe a dimora all’interno di un’area frequentata dai daini, le scacceranno impedendo ad essi di rimpinzarsi di alberi e piante. Tra queste ci sono l’agrifoglio cinese rotondo, la paulonia, l’origano messicano, la menta, l’assenzio, la menta piperita, il timo al limone, la pervinca del Madagascar e qualsiasi pianta del genere Artemisia. Anche piantando gli spini come le more oppure i lamponi agiranno come deterrenti.

Di solito i recinti non sono una buona soluzione, in quanto i daini sanno saltare oltre parecchi recinti. Un recinto caricato elettricamente, ad ogni modo, è una questione diversa se è costruito bene. Un recinto caricato elettricamente ha solo bisogno d’essere alto 5 piedi per essere efficace. Il recinto ha bisogno di avere 6 trefoli di filo, ognuno dei quali comincia dal basso ed è ad un’ulteriore distanza dal giardino rispetto a quello sotto. Questo significa che il recinto deve avere un’angolatura di 45°. Quando i daini vedono il filo, di solito notano soltanto quello in alto ad un livello di 5 piedi in quanto gli altri sono più distanti. Quando ci provano e passano sotto il filo alto 5 piedi, essi colpiscono quello più basso e subiscono la scarica elettrica. Si possono acquistare i caricatori elettrici ad un qualsiasi negozio di ferramenta.

Se si pianta della melassa intorno al proprio orto, si respingeranno i daini ed anche i loro parassiti nei filamenti appiccicosi della pianta.

Questo sistema terrà lontani i daini dal proprio orto. Nel caso qualsiasi altro sistema fallisce, andare nel proprio zoo di zona e chiedere se si può avere del letame dalle gabbie dei grossi felini. Con il termine GROSSI felini s intendono i leoni, le tigri, i leopardi e le pantere. Questa è una garanzia per tenere lontani i daini finché dura l’odore.

Questo è un sistema usato abbastanza intorno alle piccole aree. Basta sistemare dei capelli umani in un fossato poco profondo intorno a tutto il perimetro del giardino o degli alberi che si vogliono proteggere. Così si terranno lontani i daini e gli uccelli hanno una palla e useranno i capelli per costruire i propri nidi. Il capello umano è ricco di azoto e può essere lavorato nella terra dopo che è passata la stagione dei daini.

Il daino si tirerà indietro da un’area dove sono presenti i pomodori e le viti schiacciate lungo il terreno. Se sono piantate presto rispetto ad altre piante in modo da avere il tempo di maturare, agiranno in maniera eccellente come deterrente contro i daini.

Esistono due cose eccellenti che si possono spruzzare intorno agli orti per tenere lontani i daini. Essi sono il pasto a base di sangue oppure il fegato di manzo che sono stati lavorati. Il pasto a base di sangue può essere acquistato in qualsiasi vivaio. Il fegato di manzo (circa ½ libbra) ha bisogno di essere messo in un tritatutto con più o meno un quarto d’acqua e dopodichè tritato finemente.

I cani sono degli eccellenti deterrenti contro i daini. Questi ultimi non si avvicineranno mai ad un orto dove è presente un cane che può catturarli.

Si può acquistare un sottile tubo di plastica e tagliarlo con una sega in modo da avvolgerlo intorno al tronco dell’albero. Questo creerà un’eccellente barriera non solo contro i daini ma allo stesso modo verso altri animali.

Chi non si è meravigliato, ad un certo punto, della leggiadria del daino? Sfortunatamente per i giardinieri, queste creature gentili possono ridurre considerevolmente un giardino in un attimo. Essi mangeranno quasi qualsiasi cosa che abbiamo piantato e ritorneranno di tanto in tanto una volta che sanno che il cibo è disponibile in quel posto.

SCORAGGIARE IL CARO DAINO

Se si è stanchi di nutrire il daino con tutto il proprio giardino ogni anno, la migliore difesa è una buona offesa – un odore disgustoso, quello è. Il daino usa il proprio fiuto per determinare i predatori e le situazioni pericolose, così mirare a questo senso è uno dei sistemi migliori e più semplici per scoraggiarli. Gli odori che sembrano inconsueti per loro provocando il loro meccanismo di difesa, facendoli fuggire.

Piantare dei Protect Sticks, che si attaccano alle piante ed emettono un odore di aglio, e possono essere acquistati al proprio vivaio di zona. Delle saponette con un odore forte possono essere abbastanza efficaci nel controllo dei daini. Fare dei buchi con il trapano nelle saponette ed attaccarlo intorno ai bordi del proprio giardino o dai grossi rami degli alberi. Sistemando le saponette a non più di tre piedi di distanza si darà il miglior controllo.

L’odore dei capelli di un animale o di una persona terrà i daini lontani. Sistemare i capelli raccolti in pieghe dalla tolettatura di un animale domestico o da un parrucchiere intorno al perimetro delle piante costose, segnando con un cerchio la pianta cosicché il daino incontra i capelli prima dei rami o dei tronchi della pianta. Sistemando i capelli intorno alla base della pianta di solito fornirà un piccolo aiuto se la pianta è grossa.

L’urina di altri animali è un altro repellente molto efficace verso i daini. Se non si ha un cane che faccia il lavoro per noi, trovare un cordiale vicino che sarà felice di condurre Fido verso i punti giusti. La lettiera usata di un gatto, sparsa intorno agli angoli dell’orto può anche aiutare a scacciare il daino.

Molti degli spray e soluzioni usate per scoraggiare gli altri animali in questo libro funzioneranno anche nei confronti del daino. Qualsiasi nuovo odore che non è familiare al daino funzionerà. Il borotalco dei bambini, la polvere di peperoncino, o anche i fogli usati per asciugare la biancheria sono degni di prova, quando servono a combattere il distruttivo daino.

Ricordarsi che il daino è un animale molto intelligente; dopo un po’, la nuova fragranza che si sta usando per tenerli lontani diventerà familiare, e perderanno il desiderio di scappare. Si avrà bisogno di cambiare o alternare gli odori fastidiosi nel proprio orto per tenere il daino circospetto. Tenere la traccia di cui gli odori si servono e per quanto tempo, cosicché si possono usare queste informazioni nella pianificazione della propria difesa per l’anno successivo. In ogni caso, in tutte le condizioni proibitive, come durante i periodi di siccità e le inondazioni, i daini affamati mangeranno qualsiasi cosa che abbia un colore verde senza interessarsi dell’odore che ha. Un altro fatto che dovrebbe essere notato: se l’orto è attraente in maniera particolare, con parecchi cibi che piacciono ai daini presenti in zona, gli odori disgustosi potrebbero non essere abbastanza come deterrenti.

In ogni caso, si può provare a rendere sgradevoli al gusto le proprie piante, spruzzandole con una soluzione amara. Fare da soli la propria soluzione amara con del barbaforte, peperoncino piccante, oppure aceto miscelato con acqua, o provare ad usare una soluzione amara in commercio alla mela. (La propria soluzione fatta in casa dovrebbe essere abbastanza forte da rendere amari i propri germogli.) Sfortunatamente, questi spray funzionano solo, quando il daino comincia a mangiare le piante, così qualche danno ci sarà usando questo metodo. Non bisogna dimenticarsi di lavare le piante in modo da togliere la soluzione amara, quando si devono mangiare, oppure si avrà la stessa reazione del daino.

Alla fine, se tutto il resto non funziona (ed alcune volte accade), una recinzione e delle barriere dovrebbero essere gli unici sistemi per liberare il proprio giardino dai daini. In quanto il daino è piuttosto grande, un buon recinto dovrebbe essere alto almeno otto piedi. Una rete metallica, sistemata intorno ed oltre le piante, potrebbe essere abbastanza efficiente.

COMINCIARE A CONOSCERE IL VERO DAINO

Il daino è un membro della famiglia di mammiferi chiamata Cervidae, la quale include anche l’alce, ed il caribù. L’alce è il più grosso della specie del daino, arrivando a pesare oltre 1200 pound. La media di peso di molti daini appartenenti a questa specie si aggira intorno alle 400 pound.

Qualsiasi daino lascia l’impronta dello zoccolo divisa, cosa che la fa assomigliare a due dita del piede. I maschi hanno dei palchi che perdono ogni anno, ed in qualche specie, anche le femmine hanno dei palchi. Il daino, che è un animale erbivoro ruminante, in quanto gli mancano gli incisivi superiori – e ci si dovrebbe chiedere come fanno a mangiare senza di essi. Loro possono mangiare delle grosse quantità di cibo e possono spogliare completamente gli alberi e gli arbusti in periodo di carestia.

Il daino femmina diventa sessualmente maturo all’età di un anno e mezzo mentre i maschi verso circa due anni a mezzo. Verso la fine dell’estate, la stagione degli amori e della riproduzione comincia per molte specie. Dopo la riproduzione, le femmine di solito partoriscono un cerbiatto verso la fine della primavera. Generalmente nasce un cerbiatto, ma i gemelli non sono comuni.