I SERPENTI

È difficile credere che quelle creature con la lingua biforcuta e senza gambe, che molti di noi trovano un po’ spaventosi sono benefici. Persino i serpenti che sono velenosi, come quelli a sonagli, sono predatori che mangiano un considerevole numero di piccoli animali. I serpenti fanno del loro meglio aiutandoci a tenere la popolazione dei roditori bassa, e come risultato di ciò si fa in modo che i roditori non ci possano invadere casa. Alcuni serpenti, come i serpenti con la giarrettiera, mangeranno anche le lumache e le chiocciole!

UN OSPITE NON INVITATO

Di solito non si saprà di avere un serpente che fa visita al nostro recinto fino a quando effettivamente non lo si vedrà. Per molte persone, questa non è un’esperienza piacevole. Se non si sopporta l’idea di dividere il proprio recinto con un serpente, allora prova una o tutte le idee seguenti per rendere il proprio recinto meno attraente verso di loro.

Fissare una buona rete metallica alla base del proprio recinto. Come ulteriore misura di sicurezza, seppellire la rete metallica fino a circa sei piedi di profondità prima di fissarla al proprio recinto. La rete si dovrebbe stirare oltre il recinto da diciotto a ventiquattro pollici. Questo terrà fuori altri intrusi, come i coniglietti e le moffette.

Tenere un recinto ben curato può anche scoraggiare i serpenti dal prendere la residenza. Ai serpenti piace nascondersi sotto cataste di pacciame, sterpaglia, rocce, oppure legna per sfuggire al sole dell’estate. Se non troveranno un rifugio molto presto, se ne andranno. Assicurarsi di tappare qualsiasi buco o fessura che conduce sotto la propria abitazione!

Eliminando la popolazione di roditori all’interno del proprio recinto farà in modo che i serpenti non pensino che il proprio recinto è una ghiottoneria. Controllare quello scritto in precedenza riguardo il controllo dei roditori.

I SERPENTI VELENOSI

Tutti sono consapevoli che gli Stati Uniti hanno la loro parte di serpenti velenosi. La Guida ai Rettili & Anfibi del Nord America della National Audubon Society cataloga 115 generi di serpenti negli Stati Uniti, con solo quattro tipi – serpenti a sonagli, serpenti corallo, mocassini acquatici, e teste di rame – classificati come velenosi. Un buon senso comune (ed una comprensione di come vivono, a cosa assomigliano, e quando sono attivi) condurrà molto avanti verso la prevenzione del morso di un serpente. Ma nel caso si è stati morsi, alcune conoscenze di base riguardo un primo soccorso in caso di morso di serpente sarà molto utile.

  • Rimanere calmi.
  • Provare ad immobilizzare la zona, usando un pezzetto di legno fissato ad un braccio oppure una gamba, per esempio.
  • Lavare la zona colpita con acqua e sapone, se disponibile.
  • Non applicare un laccio emostatico o del ghiaccio alla zona colpita.
  • Non tagliare la zona colpita. Succhiare da soli il veleno non è efficace e potrebbe causare altri problemi. Una Sawyer Extraction Pump è l’unico metodo di aspirazione raccomandato da molti esperti.
  • Mandare qualcuno in aiuto. Se si è da soli, camminare (non correre) verso il telefono più vicino e chiamare il numero di soccorso.

SCIVOLARE ATTRAVERSO LA VITA

I serpenti sono rettili, il che significa che tutti hanno delle squame sopra i loro corpi, depongono le uova, ed hanno il sangue freddo. I serpenti inoltre non hanno zampe, orecchie, oppure palpebre. La loro lunghezza può variare da 6 pollici a 8½ piedi e possono essere trovati in molti ambienti da una parte all’altra degli Stati Uniti.

I serpenti sopravvivono e prosperano perché sono dei predatori molto efficaci. Possiedono delle parti del corpo specializzate, appositamente create per aiutarli a cacciare la loro preda preferita: i roditori. Molte persone non sanno che la lingua di un serpente, che è in costante movimento, in realtà è una parte del suo naso. Il serpente raccoglie i granelli profumati con la propria lingua e poi scivola dentro un organo speciale, chiamato organo di Jacobson, sul palato della propria bocca. Questo organo è collegato al nervo olfattivo ed al naso.

Un altro organo su cui possono contare i serpenti è il sensore di calore, che è localizzato tra gli occhi ed il naso. I serpenti che appartengono alla famiglia delle vipere (come i serpenti a sonagli) che tutti quanti hanno questi organi. Essi li usano per vedere il calore del corpo di un animale. Questo è il sistema con cui questi serpenti possono trovare e cacciare la propria preda in totale oscurità.

I serpenti non hanno orecchie esterne, ma riescono a sentire le vibrazioni attraverso le loro mascelle ed il corpo. In questo modo possono sentire realmente qualcuno che si sta avvicinando, quasi come l’uomo può sentire l’arrivo di un treno toccando i binari.

Ricordarsi che i serpenti fanno parte delle creature buone, se fosse possibile, incoraggiarli ad avvicinarsi al proprio recinto, e si avranno meno problemi con le speci infestanti.