Muratura forare le piastrelle

Nel caso si dovessero forare delle piastrelle con un trapano elettrico per inserire un tassello, sarà necessario prestare la dovuta attenzione al rischio che la punta dell’attrezzo non scivoli producendo un danno al rivestimento della parete.

Ecco alcune strategie per scongiurare il pericolo:

  • Si possono fissare sulla piastrella due strisce incrociate i nastro adesivo: in questo modo la punta del trapano potrà girare senza slittare sulla superficie levigata.
  • Oppure si potrà appoggiare la punta del trapano nel punto desiderato, premere adeguatamente con una mano e con l’altra ruotare il mandrino di circa mezzo giro a destra e a sinistra, sino a quando la punta produca una piccola incisione sulla superficie della piastrella. In tal modo si potrà eseguire il foro senza rischiare che la punta del trapano scivoli.
  • Un altro modo per forare le piastrelle senza rischi eccessivi consiste nell’inciderla con bulino, come se si trattasse di una superficie metallica: dopo aver tracciato il punto nel quale verrà successivamente praticato il foro, si potrà evidenziarlo con un colpetto secco sulla testa del bulino, facendo attenzione a misurare la forza.

A proposito del taglio delle piastrelle

Le piastrelle possono essere tagliate in vari modi e ad alcuni si è accennato nel descrivere alcuni lavori di piastrellatura. Un semplice modo per tagliarle con precisione nel corso della posa : un pavimento, quando lo spazio da piastrellare sia inferiore alla larghezza di una piastrella, è il seguente: appoggiate una piastrella sull’ultima che avete applicato e appoggiate il suo bordo alla parete. Poi ponetevi sopra una terza piastrella e accertatevi che il suo lato più lontano dalla parete sia a filo del lato che corrisponde alla piastrella posata. Utilizzate infine la piastrella collocata più in alto come guida per segnare con precisione la linea di taglio sulla piastrella collocata in mezzo.

BUCARE I MURI

La foratura di un materiale cementizio o di un laterizio si effettua con l’apposita punta per muratura, montata sul trapano. Questo tipo di punta è dotata di due placchette in materiale extraduro (Widia) che sono in grado di perforare anche la pietra. Il trapano da utilizzare deve avere una buona potenza (almeno 600 watt) e deve essere dotato della frizione automatica. Si imposta il trapano sulla “percussione” e si procede con la foratura. Se il foro è piccolo si utilizza la punta del diametro adeguato, se invece è grosso (oltre i 15 mm) conviene praticare il foro in due tempi. Prima si pratica un foro-guida di diametro più piccolo (6-8 mm) e poi si monta la punta del diametro finale. Con questo sistema il foro risulterà preciso e ben rifinito.