Caricabatteria

Macchine ricaricabili

Alcune macchine per la pulizia funzionano senza cavo elettrico ma con l’ausilio di una batteria che periodicamente va ricaricata con l’apposito dispositivo. Le macchine alimentate con caricabatteria possono essere monofase, trifase, con o senza controllo elettronico della carica e dell’interruzione a completamento della ricarica. I Volt devono corrispondere alle caratteristiche della batteria da ricaricare. La corrente non deve mai superare un decimo della capacità delle batterie espresse in Amper/h.

Componenti e funzionamento del dispositivo

Questi apparecchi, oltre ad avere i dispositivi di controllo carica, sono dotati di un trasformatore idoneo a ridurre la tensione di rete a quella indispensabile per la ricarica delle batterie. Il raddrizzatore di corrente consente il passaggio dalla corrente alternata a quella continua. Il carica batterie completa la carica in un tempo variabile a seconda del tipo e delle dimensioni della batteria. I carica batteria rapidi riducono tale tempistica, ma possono danneggiare le batterie.

Manutenzione e sicurezza

Per prima cosa si consiglia di leggere attentamente il libretto delle istruzioni fornito in dotazione con la macchina a batteria. Non bisogna mai toccare l’interruttore, la presa di corrente o l’apparecchio in funzione con le mani bagnate. E’ necessario non staccare mai la spina tirando il cavo elettrico segnalare al servizio assistenza qualsiasi anomalia o guasto ed è preferibile in caso contrario, portare la macchina presso uno dei centri specializzati e autorizzati dalla casa costruttrice di tale dispositivo di ricarica.

Le batterie ricaricabili

Si tratta di un gruppo di accumulatori assemblati in un piccolo contenitore protetto all’interno di un materiale isolante e acido resistente. Gli accumulatori possono variare di numero da un minimo di 6 a un massimo di 40, a seconda del tipo di macchina che usufruirà di tale batteria. In questo modo viene immagazzinata l’energia elettrica sotto forma di energia chimica per far funzionare correttamente la macchina.

Componenti della batteria e tipologie

La batteria ricaricabile è composta da un anodo positivo e uno negativo oltre al liquido idrolito costituito da una parte di acido solforico, in cui sono immersi gli elettrodi. Questi ultimi possono essere delle piastre piane protette da feltri in fibra di vetro oppure piastre tubolari con spine in lega di piombo. le batterie si suddividono in batterie d’avviamento, per semitrazione o trazione totale. Le caratteristiche principali di questi accumulatori di corrente sono la capacità, l’energia specifica e la durata di vita. Le batterie standard sono poste in un contenitore che reca sulla sommità i tappi di accesso agli elementi, mentre le batterie sigillate sono prive di tappi.

Funzionamento

I carica batterie sono pile reversibili che funzionano con i processi di carica, durante i quali accumulano energia elettrica e di discarica quando generano corrente necessaria al funzionamento della macchina a batteria ricaricabile. la durata di vita è di circa 400 cicli carica/scarica nel caso di piastre piane, 1000/1200 cicli nel caso di piastre protette con lana di vetro, 250/500 cicli per gli accumulatori sigillati o al gel. La principale applicazione delle batterie a trazione riguardano i carrelli elevatori e le macchine per la pulizia industriale.

Manutenzione/sicurezza della batteria ricaricabile

Per le batterie al piombo standard, che possono emanare gas, si consiglia la ricarica e l’utilizzo in ambienti aerati e illuminati, in modo da verificare lo stato dei gas emessi, mentre quelle sigillate possono essere ricaricate in qualunque ambiente, senza correre alcun rischio di respirare gas tossici. Rabboccare il liquido elettrolito ogni qualvolta scenda di livello.

Le tipologie macchine che utilizzano la batteria ricaricabile

Una delle macchine che utilizza la batteria ricaricabile è la lavasciuga pavimenti, che può essere sia con uomo a terra che con uomo a bordo a seconda del modello scelto. Un’altra macchina che prevede la batteria ricaricabile è la spazzatrice elettrica. Con o senza indicatore di carica, le batterie vanno ricaricate con l’apposito dispositivo ogni qualvolta calino resa e prestazioni. In caso di sostituzione della batteria dopo anni di utilizzo è consigliabile acquistare quella consigliata dal produttore sul manuale di istruzioni fornito in dotazione con la batteria, la quale deve essere scelta in base alla macchina da utilizzare e in base al carica batterie in vostro possesso.

L’azienda

Imprendo servizi è una ditta che da oltre 35 anni lavora nel settore dei servizi per la fornitura di macchine per le pulizie professionali oltre a garantire assistenza in caso di disinfestazione da topi e insetti, autospurgo, noleggio piattaforme aeree, giardinaggio, allontanamento volatili, video ispezioni delle condutture di scarico, trattamento di superfici di ogni genere, smaltimento dei rifiuti e sanificazione degli ambienti. basta richiedere un preventivo gratuito al numero verde indicato sul sito ufficiale della ditta.